Covid in Brasile, lo scandalo dei medici forzati a prescrivere ivermectina e idrossiclorochina a pazienti ignari

Sollevati dal loro incarico come ritorsione alle loro resistenze, 12 medici del Servizio di prevenzione anziani del ministero della Salute si sono rivolti alla giustizia. La spinta a prescrivere il kit di farmaci era arrivata soprattutto dal ministro dell'Economia, Paulo Guedes, che osteggiava le misure di protezione come i lockdown e le quarantene
2 minuti di lettura

Usati come cavie a suon di dosi di idrossiclorochina e ivermectina. Senza che ne fossero consapevoli e soprattutto consenzienti. Una coercizione che se fosse dimostrata prefigurerebbe il tentato omicidio e l'attentato alla salute pubblica. L'ennesimo scandalo di una gestione al limite del genocidio, accusa che sempre più brasiliani lanciano al presidente Jair Bolsonaro. L'intera vicenda è emersa nel corso di una testimonianza davanti alla Commissione parlamentare d'indagine sulla gestione caotica del Covid da parte del governo di estrema destra.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori