Alzheimer, il decalogo per scegliere la struttura migliore

La cosa migliore è restare a casa propria. Ma quando il paziente si aggrava serve il ricovero in un centro specializzato. Come sceglierlo. Stefano Cappa: "Meglio scegliere chi affianca alla cura il gioco e l'attività fisica"  
4 minuti di lettura

Quali sono i dieci buoni motivi per scegliere una struttura che curi chi è colpito da Alzheimer? Il dilemma di come riconoscere un valido centro specializzato, sia esso pubblico o privato, si pone quando il proprio familiare mostra evidenti cedimenti cerebrali. Quello più frequente, che suona come una sentenza quando la diagnosi di Alzheimer magari è venuta già un po' di tempo prima, sono i disturbi del comportamento: se il proprio familiare ha scarsa consapevolezza dell'ambiente e non riconosce chi lo accudisce è meglio ricoverarlo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori