Dipendenze, quanto piace ai ragazzi la cannabis 'potenziata'

(ansa)
Le sostanze psicoattive sono sempre più diffuse, con effetti sulla salute dei ragazzi a breve e a lungo termine
2 minuti di lettura

Nel presente dello sballo si specchiano sia il passato che il futuro: se la cannabis rimane la sostanza stupefacente più consumata dagli studenti, con concentrazioni di principio attivo molto più elevate che in passato, dopo di lei si posizionano le cosiddette 'nuove sostanze psicoattive', molto potenti e dagli effetti a lungo termine sconosciuti. Delle nuove frontiere delle droghe si parla al 20° congresso nazionale della Società italiana di tossicologia, a Bologna fino al 27 ottobre.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori