In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Distacco della retina: dopo l'intervento si rischia la cecità?

Distacco della retina: dopo l'intervento si rischia la cecità?
Una lettrice scrive per la figlia che dopo l’intervento non vede più e chiede se c’è qualcosa che si possa fare. In questa rubrica, gli specialisti in oftalmologia rispondono a dubbi, perplessità e domande che riguardano la vista. Scrivete a salute@gedi.it
2 minuti di lettura

Il distacco di retina è una delle malattie più gravi che colpiscono l'occhio e il suo trattamento chirurgico è uno dei più complessi. Fortunatamente si tratta di una condizione rara, con una prevalenza di circa un caso su 10mila abitanti\anno.

Rappresenta comunque un problema sanitario molto significativo, perché è invalidante per le persone che ne sono colpite. Questa lettera arriva da una mamma preoccupata per la perdita della vista di sua figlia. Risponde l'oculista Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmologica Italiana (Soi).

Domanda. Salve, mia figlia 2 anni fa è stata operata per il distacco della retina, prima con il gas e dopo un mese con olio di silicone. A distanza di 5 mesi è stato asportato il silicone ma ad oggi dopo svariate visite per la pressione sempre alta prima le hanno detto che non vedeva per via della fibrosi e poi le hanno comunicato che non vedrà mai più. Questo è possibile? C'è qualcosa che si possa fare? Grazie Tiziana

Risposta. Per un genitore è impossibile arrendersi quando la posta in gioco risulta essere la perdita della vista della propria figlia. È totalmente inaccettabile. La prima informazione indispensabile riguarda l'interessamento di uno o dei due occhi. La seconda se la patologia è la retinopatia del prematuro che colpisce i bambini nati molto piccoli e che hanno utilizzato l'incubatrice con alti livelli di ossigeno per tempi prolungati pena la non sopravvivenza.

Purtroppo, questa malattia necessita di tecnologie avanzate e specifica esperienza per poter effettuare una diagnosi e applicare le terapie indicate. Ma questo molte volte può non bastare per l'aggressività e la gravità dei differenti stadi compatibili con l'effettuazione della sofisticata terapia.

È giusto rilevare che l'intervento chirurgico per curare un distacco della retina, specialmente nei bambini piccoli presenta difficoltà maggiori rispetto gli adulti. Inoltre, l'intervento di distacco di retina presenta difficoltà non comparabili con quello, ad esempio, della chirurgia della cataratta.

La retina è un tessuto nobile simile al cervello talmente sensibile e deteriorabile da poter essere danneggiato irreparabilmente anche solo dalle manovre chirurgiche indispensabili per il suo riposizionamento in sede. È un tessuto altamente organizzato e può subire danni anche quando viene disteso a livello della sclera per potersi saldare definitivamente con utilizzo di laser o olio di silicone con la massima cura e attenzione.

L'80% dei pazienti operati presentano una media riduzione della vista dopo l'intervento chirurgico pur in presenza di retina attaccata, retina che inevitabilmente subisce danni per le sue caratteristiche di tessuto nervoso. Questo per confermare che pur applicando il massimo possibile soprattutto quando sono necessari, come in questo caso, numerosi interventi in sequenza, il risultato può essere soprattutto nei bambini totalmente insoddisfacente.

In questi casi pur nel dolore e nell'inaccettabilità della situazione serve responsabilità e attenzione per concentrarsi sulle adeguate cure, anche per l'occhio che non può vedere, per controllare la pressione dell'occhio che deve rimanere necessariamente entro i limiti di regolarità. In Italia ci sono quasi tre milioni di persone che sono sostenute da un solo occhio per avere una vista adeguata. E normalmente riescono a realizzarsi senza penalizzazioni. Tuteli la sua bambina e la sua vista sottoponendola regolarmente per tutta la vita ai necessari controlli indicati dai medici oculisti che l'hanno operata con il massimo impegno e competenza. Mi tenga informato.