In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ictus, con l'intelligenza artificiale la cura è più veloce

Ictus, con l'intelligenza artificiale la cura è più veloce
"I minuti salvano vite": punta sul tempo la campagna per la Giornata mondiale contro l'ictus cerebrale, in programma il 29 ottobre. Il sistema tecnologico inventato da una startup israeliana per la diagnosi precoce
2 minuti di lettura

Vista sdoppiata, mal di testa, bocca storta, difficoltà a parlare, gambe o braccia che diventano deboli da un lato del corpo, vertigini, formicolii. Succede tutto in fretta, ma gli effetti di un ictus possono durare tutta la vita, lasciando chi ne è colpito a fare i conti con paralisi, problemi di memoria, difficoltà a parlare. Tuttavia il tempo può fare la differenza: tanto nell'accorgersi dei sintomi che nel trattare la patologia una volta arrivati in ospedale. Grazie magari anche all'aiuto dell'intelligenza artificiale.

Ogni minuto conta

A ricordare quanto il tempo, quando si parla di ictus, sia tutto, è il motto della campagna lanciata in occasione della Giornata mondiale contro l'ictus cerebrale, il 29 ottobre: "Minutes can save lives". Ma oltre a salvare la vita il tempo salva anche dalle sequele dell'ictus e dal costo - umano e sociale - della disabilità correlata. Secondo quanto ricorda l'Associazione per la Lotta all'Ictus Cerebrale (A.L.I.Ce. Italia Odv), infatti, ogni secondo di ritardo significa la perdita di 32 mila neuroni, due milioni ogni minuto. L'equivalente si stima di 4 giorni di vita in salute persi ogni minuto. E la morte dei neuroni significa la perdita di funzioni, quanto maggiore tanto più lento è il tempo di intervento. Così quest'anno l'appello per arginare quella che gli esperti non esitano a chiamare un'epidemia - si stima che 1 persona su 4 avrà un ictus nel corso della propria vita, oltre 12 milioni solo quest'anno, 150 mila italiani, con oltre 6 milioni di vittime - è quello a prestare attenzione ai sintomi, allertando precocemente i soccorsi.

Velocizzare le cure

Il problema della tempestività però non riguarda solo l'individuazione dei sintomi e l'accesso in ospedale. Il tempo continua a essere prezioso anche una volta varcata la soglia dei centri, dove la diagnosi e il trattamento possono essere accorciati grazie all'utilizzo dell'intelligenza artificiale.

"L'idea non è quella di sostituire i medici, quanto piuttosto di velocizzare il percorso di cura", spiega David Golan, esperto di machine learning e cofounder insieme al neurochirurgo Chris Mans di Viz.ai, la startup israeliana che per prima ha ricevuto l'approvazione (da parte dell'americana Fda) per il proprio sistema di intelligenza artificiale per la rivelazione precoce di ictus.

Un aiuto dall'intelligenza artificiale

Viz.ai in realtà è più che un software a sostegno della diagnosi precoce di ictus: è un sistema di intelligenza artificiale per coordinare l'assistenza sanitaria, accorciando i tempi di intervento, migliorando l'accesso ai trattamenti e così riducendo il rischio di disabilità. Il principio alla base della tecnologia è quello di comprimere le diverse fasi relative agli esami e alle consulenze mediche intorno a un caso sospetto di ictus, con una nuova logica. Se infatti il modello tradizionale prevede, dopo l'arrivo del paziente in ospedale, l'esecuzione degli esami di imaging, con intervento prima del tecnico, poi del radiologo e quindi l'invio degli esiti al reparto di medicina di urgenza, e quindi la consulenza, dopo gli esami clinici, con neurologi e chirurghi, in sequenza, il modello di Viz.ai agisce in parallelo.

Team multidisciplinare in real time

Una volta infatti che il paziente è stato sottoposto agli esami di imaging, le immagini sono condivise all'interno di un cloud e analizzate automaticamente grazie a un sistema di deep learning per identificare la presenza di segni potenzialmente riconducibili a un ictus. Se questo accade, spiega Golan, vengono emesse delle notifiche che raggiungono un team multidisciplinare che in real time e in parallelo, può visualizzare le immagini sul proprio smartphone, condividendo impressioni e pareri, confrontandosi. In questo modo un percorso che in genere richiede ore può svolgersi nel giro di qualche minuto, risparmiando tempo e ottimizzando gli esiti dei trattamenti.