In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Diabete: le richieste dei pazienti

Diabete: le richieste dei pazienti
La priorità è garatire a tutti le terapie. La voce dell'Associazione Diabete Italia
2 minuti di lettura

Sono quasi quattro milioni le persone residenti in Italia che vivono con il diabete. Si tratta di uno dei più importanti problemi di salute pubblica a livello mondiale che però viene ancora sottovalutato. Non tutti sannoche sono molte le complicanze associate al diabete e di una di esse se ne conosce ancora poco, la malattia renale cronica. E non tutti i pazienti si sottopongono agli esamiche consentirebbero di individuare precocemente sia i soggetti più a rischio di sviluppare questa complicanza sia l’insorgenza della patologia in maniera precoce. Solo nel nostro Paese sono circa un milione gli uomini e le donne che ignorano questa condizione di salute che, se non curata in modo adeguato, può portare a conseguenze anche gravi. Sono queste alcune delle principali problematiche che i diabetici devono affrontare nel nostro Paese. Dal 2002 a rappresentare i malati e i loro e i loro caregiver c’è l’Associazione Diabete Italia. Anche quest’anno promuove in tutta la Penisola, con una serie d’iniziative, la Giornata Mondiale del Diabete che si celebra il 14 novembre.

L'agenda

Sono organizzati diversi incontri, tra cui tre dal titolo “Accesso alle cure, accesso alle emozioni”. “Vi sono delle novità all’orizzonte circa la gestione del paziente - afferma Stefano Nervo, Presidente Diabete Italia Onlus -. La Nota 100 dell’Agenzia Italiana del Farmaco ha aggiornato i criteri di prescrivibilità e di rimborsabilità di alcuni farmaci, da parte del servizio sanitario nazionale. A nostro avviso è necessaria una migliore integrazione tra l’assistenza elargita dagli specialisti ospedalieri e quella che deve essere garantita dalla medicina del territorio. La recente decisione dell’AIFA rientra proprio in quest’ottica e vuole giustamente dare un maggiore peso ai medici di medicina generale. Ricordiamo che nel PNRR sono previsti degli investimenti proprio per migliorare il sistema delle cure territoriali e renderlo più efficiente nel contrastare le patologie croniche”.

Le cure che salvano il cuore

Il paziente diabetico risulta essere un malato complesso perché può soffrire di molte altre patologie associate. Di alcune abbiamo poche conoscenze ed è questo il caso della malattia renale cronica. “Si calcola che a livello mondiale circa un diabetico su tre sviluppa problemi ai reni e chi è colpito da una malattia renale corre maggiori rischi di complicanze metaboliche e cardiovascolari - spiega Massimo Morosetti, presidente della Fondazione italiana del Rene (FIR) -. Il diabete è una condizione che determina danni al microcircolo renale e che può anche danneggiare la conduzione dei nervi. Tutto ciò causa difficoltà di svuotamento della vescica che a sua volta provoca infezioni ai “filtri” del nostro organismo. In media dopo dieci anni, dall’insorgenza del diabete, compaiono anche disturbi renali che vanno dalla semplice perdita di proteine nelle urine, fino alla grave insufficienza renale che obbliga il paziente alla dialisi. Oggi abbiamo a disposizione strumenti di cura molto efficaci contro il diabete che sono anche in grado di salvaguardare i reni e il cuore. I nuovi farmaci hanno dimostrato di rallentare la progressione della malattia renale e, più in generale,di proteggere dalla sindrome cardiorenale che è una condizione patologica che comprende lo scompenso cardiaco (cuore affaticato) e la malattia renale cronica (diabetica o non diabetica)”.

Garantire l'accesso alle terapie

“Bisogna mettere in atto iniziative urgenti per sensibilizzare i pazienti circa le numerose complicanze legate alla malattia - prosegue Stefano Nervo -. Come Associazione vogliamo cogliere l’occasione offerta dalla Giornata Mondiale per favorire soprattutto l’adesione ai programmi di screening. Attraverso alcuni esami è possibile individuare i pazienti che possono sviluppare ulteriori complicanze tra cui le patologie renali. Quest’ultime spesso indicano proprio la scarsa efficacia di un trattamento anti-diabetico. Va garantita però a tutti i pazienti la possibilità di accedere agli screening mentre attualmente l’adesione si attesta ad uno scarso 20%. Organizzeremo delle giornate aperte in alcune strutture sanitarie della Penisola durante le quali i malati potranno svolgere gratuitamente alcuni esami”.