In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Inquinamento, Italia maglia nera nella Ue per qualità dell'aria: 70 mila morti evitabili

Inquinamento, Italia maglia nera nella Ue per qualità dell'aria: 70 mila morti evitabili
A lanciare l'allarme, sulla base del nuovo rapporto qualità dell'aria dell'Agenzia europea per l'ambiente, è la Società italiana di medicina ambientale (Sima)
1 minuti di lettura

Italia maglia nera per qualità dell'aria, con numeri da pandemia: sono stati 70.000 i decessi evitabili per inquinamento nel 2020. A lanciare l'allarme, sulla base del nuovo rapporto qualità dell'aria dell'Agenzia europea per l'ambiente, è la Società italiana di medicina ambientale (Sima). Se, da un lato, si conferma il trend di costante riduzione delle concentrazioni medie annuali di polveri sottili e delle conseguenti morti premature, dall'altro i livelli di Pm 2.5 rimangono al di sopra dei limiti sanitari stabiliti dall'Oms nelle Linee guida 2021 per la qualità dell'aria e l'Italia resta ai vertici della classifica, spiega Alessandro Miani, presidente Sima.

"Sono state ben 68.600 le morti premature da Pm2.5, ossidi d'azoto e ozono registrate nel 2020 in Italia (seguono la Germania con 43.500 decessi evitabili e la Polonia con 41.600). In pratica l'Italia rappresenta il 29% del totale di morti premature da Pm2.5 in Europa (dove sono scese a 238.000), il 22% dei decessi evitabili da ossidi di azoto e il 21% di quelli dovuti ad eccessi di concentrazioni di ozono - sottolinea Miani - L'Italia è prima anche per numero di anni di vita persi: ben 606.000, quantificabili in circa 61 miliardi di euro di costi sociali e sanitari nel solo anno 2020. Questo significa che da diversi decenni, ogni anno nel nostro Paese l'inquinamento dell'aria genera numeri da pandemia", rimarca l'esperto

"Il rapporto Eea appena pubblicato esplicita chiaramente - aggiunge Prisco Piscitelli, epidemiologo e vicepresidente Sima - che le maggiori concentrazioni di Pm10 si osservano nella pianura Padana, attribuendo il fenomeno alla densità di popolazione e di attività industriali in un contesto orografico e meteorologico che favorisce l'accumulo di polveri sottili".

"Questi dati certificano che l'Italia è tra i Paesi europei che deve compiere i più netti progressi per l'attuazione della Zero Pollution Strategy europea, che sottende la revisione delle Linee guida per la qualità dell'aria presentate dalla Commissione europea lo scorso 26 otobre per allinearsi alle più stringenti direttive Oms entro il 2050. Ancora una volta, il nostro appello al nuovo governo è un invito a non perdere l'occasione del Pnrr - chiosa Miani - per invertire rapidamente la rotta con un'attenta strategia di allocazione delle risorse e verifica in corso dei risultati prodotti, a cominciare dal Programma salute, ambiente e clima per proseguire con la mobilità sostenibile, l'efficientamento energetico degli edifici con annessi riscaldamenti domestici".