In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Anziani, quando "meno farmaci è meglio"

(Creiditi: Towfiqu barbhuiya via Unsplash)
(Creiditi: Towfiqu barbhuiya via Unsplash) 
Linee guida, una app e un approccio multidisciplinare e multidimensionale. Per aiutare i medici a capire quando è il momento di de-prescrivere
3 minuti di lettura

Per preservare la salute di un paziente, specialmente se anziano, a volte i farmaci è meglio toglerli che aggiungerli. Il concetto di de-prescrizione, accanto a quello di medicina personalizzata, si sta facendo sempre più strada fra i medici come strumento per migliorare la salute dei pazienti più fragili. Se ne è discusso nei giorni scorsi in occasione del convegno organizzato dall'Istituto superiore di sanità, che ha riunito gli autori delle prime linee guida italiane per la gestione della politerapia e del de-prescribing, allo scopo diffonderle sempre di più nella pratica clinica.

Cos'è la politerapia

Si parla di politerapia quando una persona affetta da diverse malattie e disturbi assume cinque o più farmaci contemporaneamente. È una condizione che si verifica soprattutto fra le persone anziane. Nel rapporto del 2019 dell'Osservatorio Nazionale sull'uso dei Medicinali (OsMed) si riporta che in Italia il 29% degli uomini e circa il 30% delle donne di età superiore ai 65 anni utilizzano 10 o più sostanze quotidianamente. Inoltre, il numero di farmaci aumenta progressivamente all'avanzare dell'età, sia nelle donne che negli uomini.

Il problema delle interazioni fra farmaci

Assumere molti farmaci contemporaneamente aumenta il rischio che si manifestino alcuni effetti collaterali. Le reazioni avverse causate da un farmaco riguardano l'interazione con gli altri medicinali, con il cibo, con gli integratori e con la malattia stessa. E così può succedere che un farmaco, anziché contribuire a migliorare la salute, diventi un pericolo. La probabilità che si verifichino eventi che possono anche portare all'ospedalizzazione aumenta in modo lineare con il numero di farmaci assunti, fino a sfiorare il 100% per chi è in trattamento con 9 o più sostanze. Nell'anno preso in esame nel rapporto OsMed, un milione e 300 mila anziani hanno assunto associazioni di farmaci a rischio di causare danni renali, ad esempio, e oltre 900 mila hanno assunto combinazioni a rischio di provocare sanguinamenti gastrointestinali.

Un approccio multidimensionale

Nelle raccomandazioni e linee guida per il trattamento della multimorbilità e farmacoterapia del 2021 si sottolinea quindi la necessità di adottare un approccio multidimensionale alla strategia terapeutica, che tenga conto dell'aspettativa di vita del paziente, delle effettive possibilità di cura e degli obiettivi di salute del paziente stesso. Preservare il benessere del paziente significa, nel caso della politerapia, saper ottimizzare tutti questi aspetti, sospendendo - ove necessario - una o più terapie dopo un periodo di somministrazione concordato. Il problema, spiega Graziano Onder, direttore del Dipartimento di Malattie Cardiovascolari, Endocrino-Metaboliche e Invecchiamento dell'Iss e Responsabile Scientifico dell'evento, è che per ciascun farmaco si conoscono le raccomandazioni su quando prescriverlo, ma non su quando sospenderlo.

 

InterCheck: un sito e una app

Sospendere un farmaco, comunque, non è una cosa banale. Spesso è un processo difficile e graduale, che deve affrontare anche i timori di medici e pazienti circa le conseguenze sulla salute e sull'andamento della malattia che deve curare. È importante, quindi, scegliere nel modo appropriato quale sia il farmaco giusto da eliminare perché "inappropriato" rispetto agli altri, e responsabile delle reazioni avverse. Per aiutare in questo processo, sono stati sviluppati alcuni strumenti informatici come InterCheck, un sistema di supporto alle prescrizioni messo a punto dall'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri. Attraverso un sito e una app, i medici possono recuperare informazioni utili sugli effetti indesiderati dei farmaci, sulle categorie a rischio in base alle patologie riscontrate, sulle combinazioni pericolose, sul dosaggio consigliato e anche sulla modalità di sospensione. Secondo uno studio pubblicato su Drugs Aging, InterCheck si è mostrato efficace nel ridurre significativamente le prescrizioni inappropriate di farmaci a carico degli ospiti di Rsa, dove l'86% degli anziani era risultato esposto ad interazioni farmacologiche pericolose.

 

I farmaci più rischiosi

Fra i farmaci più valutati quando si parla di sospensione e de-prescrizione, alcuni meritano una attenzione particolare, perché più facilmente responsabili di reazioni avverse. Nel rapporto OsMed e nelle raccomandazioni elencate fra le linee guida per la gestione della politerapia troviamo gli antinfiammatori della categoria Fans, gli anticoagulanti, i gastroprotettori e gli inibitori della pompa protonica. Tutti questi aumentano il rischio di sanguinamento del tratto gastrointestinale, soprattutto in età avanzata, dove l'uso di questi farmaci è molto comune. Secondo i numeri del rapporto, infatti, in Italia sono circa 910 mila gli ultrasessantacinquenni che assumono contemporaneamente due o più farmaci che aumentano il rischio di sanguinamento gastrointestinale.

Oltre a questi, vengono menzionate anche le statine, utilizzate per abbassare il livello di grassi nel sangue e da sospendere nel caso in cui l'aspettativa di vita del paziente sia inferiore a un anno; oppure la vitamina D, un integratore da utilizzare solamente nelle persone con osteoporosi ad alto rischio di fratture ossee e non come misura preventiva, o ancora i farmaci che agiscono a livello neurologico e sull'umore, ma possono causare perdita di lucidità e infortuni. Il messaggio? Per il paziente, specie se anziano, è importante il supporto di un team multiprofessionale che si occupi di valutarne lo stato di salute e l'indice di fragilità, e che revisioni periodicamente tutti i farmaci assunti, decidendo quando sia il momento di togliere invece che aggiungere.