In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Tumori della prostata e dell’ovaio, Aifa approva la terapia di precisione

Crediti: Anirudh via Unsplash
Crediti: Anirudh via Unsplash 
Arriva il primo farmaco mirato per il carcinoma della prostata metastatico con mutazioni Brca. La stessa molecola è stata estesa a tutte le donne con carcinoma ovarico che presentano instabilità genetica
3 minuti di lettura

D'ora in poi, anche per il tumore della prostata avanzato sarà il risultato di un test genetico a guidare la cura. E le mutazioni conteranno sempre di più anche nel tumore ovarico. C'è infatti una novità per quanto riguarda queste due neoplasie: l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha approvato la rimborsabilità di una stessa terapia mirata, olaparib, per entrambe: nel primo caso quando vi sia una alterazione dei geni BRCA, nel secondo quando vi siano alterazioni nella riparazione del Dna, causate anche - ma non solo - dai geni BRCA. Ben la metà di tutti i tumori ovarici più comuni, infatti, presentano instabilità genetica.

I tumori che colpiscono prostata e ovaie

Il carcinoma della prostata è il cancro più frequente nella popolazione maschile: nel 2020 (ultimo anno per il quale si abbiano dati di incidenza) si sono verificati circa 36 mila casi. Il tumore dell'ovaio è meno frequente (al decimo posto, con circa 5 mila diagnosi l'anno), ma più insidioso, perché spesso scoperto in fase avanzata. Ormai è noto che le due neoplasie possono avere delle caratteristiche genetiche in comune (e che condividono anche con altri tumori: parte di quelli del seno, del pancreas, dello stomaco, per esempio).

Cos'è l'instabilità genetica

Quando vi è una mutazione nei geni BRCA o in uno degli altri geni che normalmente riparano i danni del Dna, avviene quello che i biologi chiamano deficit di ricombinazione omologa (o, abbreviato, HRD). Ciò che accade è che il Dna si ripara nel modo sbagliato e alcune cellule hanno una probabilità più alta di diventare tumorali. In questi casi è stata dimostrata l'efficacia dei farmaci PARP inibitori che, impedendo completamente la riparazione del Dna in queste cellule "difettose", ne inducono la morte. Olaparib è stato il primo farmaco di questa nuova classe ad essere messo a punto e approvato: inizialmente solo per il tumore ovarico avanzato con mutazioni BRCA, mentre ora l'indicazione è estesa a tutti i casi HRD-positivi.

Olaparib per il tumore ovarico

"La sopravvivenza a 5 anni nel tumore dell'ovaio è ancora al 43%, anche perché troppe donne, circa l'80%, scoprono la malattia in fase avanzata", spiega Giovanni Scambia, Direttore scientifico della Fondazione Policlinico Universitario Gemelli di Roma: "Siamo di fronte a uno dei tumori più aggressivi fra le neoplasie ginecologiche. Oggi, però, abbiamo a disposizione terapie efficaci che permettono di tenere sotto controllo la malattia metastatica. Oltre alla chemioterapia, sono disponibili farmaci antiangiogenetici, che impediscono la crescita del tumore, e i PARP inibitori, in grado di agire in maniera selettiva sulle cellule mutate che provocano il tumore ovarico".

Nello studio PAOLA-1, pubblicato sul New England Journal of Medicine, olaparib, in combinazione con bevacizumab, ha dimostrato di ridurre il rischio di progressione della malattia o morte del 67%: "L'aggiunta di olaparib ha portato la sopravvivenza libera da progressione a una mediana di oltre 3 anni, cioè a 37,2 mesi rispetto a 17,7 con bevacizumab da solo nelle pazienti con carcinoma ovarico avanzato HRD-positivo", dice Nicoletta Colombo, Direttore del Programma di Ginecologia Oncologica dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano e Professore Associato all'Università Milano-Bicocca: "Poter utilizzare una terapia di mantenimento è molto importante per queste pazienti - sottolinea Colombo - perché circa il 70% delle donne con malattia avanzata va incontro a recidiva entro due anni. I dati ottenuti con un follow-up a 36 mesi hanno mostrato un miglioramento statisticamente significativo anche del tempo alla seconda progressione di malattia, con una mediana di 50,3 mesi rispetto a 35,3 mesi con bevacizumab da solo".

Ma mancano i test HRD

Diventa ora, però, fondamentale per le pazienti poter accedere al test genetico HRD. Che, spiega ancora l'oncologa, permette di identificare tempestivamente chi può beneficiare di un trattamento in grado di controllare la malattia a lungo termine, ritardando la ricaduta, con una buona qualità di vita. Allo stesso modo, è essenziale che anche gli uomini con tumore della prostata metastatico possano accedere al test per le mutazioni BRCA. Secondo le stime, le alterazioni genetiche riguardano circa il 20% dei casi che, vista l'alta incidenza della neoplasia, si traducono in un numero elevato di pazienti con alterazioni genetiche: almeno 8 mila ogni anno.

Olaparib per il tumore della prostata

L'Aifa, ricordiamolo, ha approvato la rimborsabilità di olaparib come monoterapia in chi presenta carcinoma prostatico metastatico resistente alla castrazione con mutazioni BRCA1/2, in progressione dopo una precedente terapia ormonale (con enzalutamide o abiraterone). "È un momento storico per chi si occupa di tumore della prostata: si tratta della prima terapia mirata, cioè del primo strumento di precisione. Per di più che permette di ottenere un vantaggio clinico importante: più tempo e più qualità di vita,  aspetto molto importante da considerare, soprattutto nella fase metastatica", sottolinea Giuseppe Procopio, Responsabile Oncologia Medica genitourinaria della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e coordinatore nazionale dello studio PROfound, che ha dimostrato l'efficacia del Parp inibitore in questa popolazione di pazienti. Nello studio, pubblicato anch'esso sul New England Journal of Medicine, olaparib ha infatti più che triplicato la sopravvivenza libera da progressione (la sopravvivenza mediana è stata di 9,8 mesi rispetto a 3 mesi con enzalutamide o abiraterone). Olaparib, inoltre, ha ridotto il rischio di morte del 31%, con una sopravvivenza globale mediana di 19,1 mesi rispetto a 14,7 mesi con l'agente ormonale.

"Il test BRCA - continua Procopio - eseguito su sangue periferico o su tessuto tumorale, rappresenta uno step fondamentale nella diagnosi e nella decisione del trattamento del carcinoma prostatico metastatico, come stabilito anche nelle Raccomandazioni dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica".

 

Identificare le famiglie ad alto rischio

Non bisogna dimenticare un altro aspetto importante: l'identificazione di varianti nei geni BRCA1/2 in un uomo con carcinoma prostatico o in una donna con tumore dell'ovaio permette di intraprendere un percorso di consulenza oncogenetica nei familiari sani. "Questo rende possibile proporre programmi mirati di diagnosi precoce e strategie finalizzate alla riduzione del rischio, come l'asportazione chirurgica di tube e ovaie", conclude Scambia: "È stato stimato che in una neoplasia come quella dell'ovaio, priva di efficaci strumenti di screening, questo approccio possa portare nei prossimi 10 anni a una riduzione dell'incidenza del 40%, che è un numero davvero significativo. In futuro anche la prevenzione sarà sempre più personalizzata".