In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Approvato nuovo farmaco per il linfoma non-Hodgkin più comune

(Crediti: Testalize.me via Unsplash)
(Crediti: Testalize.me via Unsplash) 
L’Aifa autorizza la rimborsabilità di tafasitamab in associazione a lenalidomide, un trattamento chemio free per pazienti che oggi hanno possibilità di cura limitate. Nel 40% di casi ha dimostrato di portare alla remissione completa della malattia
2 minuti di lettura

Per chi è colpito da linfoma diffuso a grandi cellule B - la forma più comune e aggressiva di linfoma non-Hodgkin –, non risponde alle terapie di prima linea o sviluppa recidive, e non può affrontare un trapianto di cellule staminali, l’Agenzia italiana del Farmaco (Aifa) ha dato il via libera alla rimborsabilità di un nuovo trattamento. Si tratta di un anticorpo monoclonale, tafasitamab, potenziato per colpire le cellule cancerogene: la terapia prevede la sua somministrazione in combinazione con lenalidomide e ha dimostrato di indurre una risposta positiva e prolungata dei pazienti, portando a una remissione parziale o completa della malattia.

La malattia ritorna in un terzo dei pazienti

In questo tipo di linfoma, che in Italia conta 4.400 diagnosi ogni anno, le cellule B, un sottotipo di linfociti, diventano più grandi del normale e si moltiplicano in modo incontrollato. “Il sintomo più frequente è il rapido ingrossamento dei linfonodi a livello del collo, delle ascelle e dell’inguine, a cui si possono aggiungere febbre, sudorazione notturna e perdita di peso – spiega Andrés José María Ferreri, Direttore dell’Unità Linfomi all’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e Presidente della Fondazione Italiana Linfomi (FIL) Onlus. Circa un terzo dei pazienti non risponde alla prima linea di trattamento o ha una recidiva e, quando questo si verifica, le opzioni terapeutiche diminuiscono, così come anche la sopravvivenza globale, che si riduce a meno di un anno.

I risultati della nuova terapia

Veniamo ai risultati su tafasitamab, che si somministra, appunto, in associazione a lenalidomide, (un farmaco immunomodulatore contro i tumori del sangue) e agisce contro l’antigene tumorale CD-19. I dati a 3 anni ottenuti da L-MIND (lo studio di fase 2 condotto su 81 pazienti con malattia recidivata o refrattaria non candidabili al trapianto di cellule staminali) hanno dimostrato una remissione completa della patologia nel 40% dei pazienti; se si aggiungono anche coloro che hanno avuto una risposta importante, si arriva a circa il 60% dei pazienti. La mediana della durata di questa risposta è stata molto prolungata, di ben oltre 3 anni (44 mesi): ossia, la metà dei pazienti ha avuto una risposta più duratura. “Un risultato mai osservato prima in questo gruppo di pazienti – commenta Pier Luigi Zinzani, ordinario di Ematologia dell’Istituto di Ematologia "Seràgnoli" dell’Università di Bologna –. Parliamo, oltretutto, di un regime chemio free: un dato molto importante per i pazienti, che possono ottenere dei risultati significativi senza gli effetti collaterali tipici della chemioterapia. Il suo profilo di tossicità, limitato e ben tollerato – continua Zinzani - è esclusivamente ematologico, con la riduzione dei globuli bianchi, dell'emoglobina e delle piastrine. Non si è infatti avuto alcun riscontro di tossicità extra ematologica, cioè cardiaca, polmonare, renale ed epatica, e questo rende veramente molto sicuro il trattamento”.

 

Prospettive di cura cambiate radicalmente

La terapia prevede la somministrazione di tafasitamab per via endovenosa e di una compressa di lenalidomide per tre settimane consecutive a mesi alterni per 12 mesi. Se il paziente ne trae beneficio, il trattamento continua solo con tafasitamab fino alla progressione della malattia.

Sono diverse le opzioni terapeutiche emerse negli ultimi anni per il trattamento di questo tipo di linfoma. Alla possibilità di ottimizzare la terapia di seconda linea, si aggiunge anche il trattamento con cellule CAR-T a partire dalla terza linea. “Se pensiamo a cosa potevamo offrire ai nostri pazienti solo qualche anno fa e a cosa possiamo offrire oggi – conclude Zinzani – appare chiaro come le prospettive di cura siano radicalmente cambiate”.