1 minuti di lettura

Il Premio Braille assegnato al Comitato Italiano Paralimpico ha reso omaggio al lavoro dell’organizzazione e dei suoi atleti, che quest’anno hanno registrato il medagliere più ricco di sempre ai Giochi di Tokio 2020, e che hanno tenuto accesa nel cuore di tutti la fiaccola dell’impegno oltre i propri limiti, dell’integrazione oltre ogni differenza, dell’orgoglio e del riscatto nazionale. intervista al presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli; Anna Barbaro, non vedente campionessa di paratriathlon, e Elisa Di Francisca, ex schermitrice olimpica.

Premio Braille, sportivi e ipovedenti: "Allenamenti e gare per riprendere in mano la propria vita"