In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Quanto sono utilizzati i test genomici? Cittadinanzattiva chiede i dati alle Regioni

Credit: National cancer Institute / Unsplash
Credit: National cancer Institute / Unsplash 
Entro 60 giorni le Regioni dovranno dare un riscontro. Obiettivo: garantire l’utilizzo dei fondi già stanziati e uguale accesso ai test a tutte le pazienti
2 minuti di lettura

Venti milioni di euro. Questa era la cifra stanziata a livello nazionale dalla Legge di Bilancio 2021 per l'erogazione dei test genomici per il cancro al seno. Per la precisione: test che, in alcune selezionate pazienti che presentano un tumore al seno di tipo ormonale in stadio iniziale (circa il 70% dei casi), possono aiutare i medici a capire quando somministrare la chemioterapia e quando, invece, possa essere evitata.

SALUTE SENO Il link per iscriversi alla newsletter

La richiesta di dati: cosa succederà

La domanda ora è: questi fondi sono stati utilizzati dalle regioni? Come e quanto? E qui arriviamo alla notizia: per conoscere esattamente la situazione, questa settimana Cittadinanzattiva ha inviato l'istanza di accesso civico ai presidenti e agli assessori alla Salute regionali che, per legge, dovranno dare un riscontro entro sessanta giorni. O si passerà ai ricorsi.

L'istanza permetterà di raccogliere numerose informazioni: la modalità organizzative per la prescrizione, l'esecuzione, l'utilizzo, il monitoraggio, le verifiche e i controlli dei test; i termini delle singole delibere regionali; la quota del fondo assegnata a ogni  Regione o Provincia autonoma; il numero, la tipologia e i costi dei test effettuati nel corso del 2021 e del 2022; le percentuale di pazienti testate rispetto a quante ne avrebbero avuto diritto; la percentuale di pazienti testate provenienti da altre Regioni/Province autonome; gli eventuali ulteriori stanziamenti a livello regionale.

Test genomici, un diritto non ovunque garantito

"Da un'indagine che abbiamo pubblicato lo scorso marzo e da quello che ci riportano i pazienti, sappiamo che c'è molta difformità sul territorio", dice a Salute Seno Valeria Fava, Responsabile Coordinamento politiche per la salute di Cittadinanzattiva: "A volte sono gli stessi clinici a riferire ai pazienti di non avere a disposizione il test. In alcune Regioni, come la Lombardia, li utilizzano nella pratica clinica da tempo e in modo consolidato, avendo potuto disporre anche di risorse proprie, mentre altre regioni sono più indietro. Alcune hanno raggiunto il plafond del fondo, altre non lo stanno utilizzando. E se non vengono utilizzate per i test genomici, queste risorse si perdono.

Conosciamo a grandi linee la situazione, ma non abbiamo il dettaglio. Da qui l'istanza. In attesa dell'inserimento del test nei Livelli essenziali di assistenza (Lea) - ad oggi bloccati dalla mancata approvazione del Decreto tariffe - bisogna garantire l'utilizzo dei fondi stanziati e uguale accesso ai test a tutti i pazienti".

Oggi i test genomici sono riconosciuti come uno strumento importante dalle linee guida sul tumore al seno. Secondo dati diffusi recentemente, in media, in Italia, accede al test il 40% delle pazienti che sarebbero candidate. Nella già citata Lombardia, la percentuale sale all'80%: qui si stima che alla fine del 2022 saranno stati eseguiti in tutto 1.500 test su 1.800 previsti.

Perché sono importanti i test genomici contro il tumore al seno

I test non eseguiti rappresentano un'opportunità mancata. Prima di tutto per le pazienti, che potrebbero evitare tossicità non necessarie, e in secondo luogo per le regioni stesse e per il sistema socio-sanitario, che si trova a sostenere i costi diretti e indiretti di trattamenti evitabili.

Secondo alcuni studi, i test genomici possono far risparmiare fino al 75% di trattamenti superflui dopo l'intervento. "Un fallimento dal punto di vista etico e anche della sostenibilità", conclude Fava: "Per questo noi, insieme ad altre associazioni e società scientifiche, abbiamo chiesto che sia i test genomici sia i test con tecnologia NGS (le tecnologie avanzate di sequenziamento genico, ndr) siano inseriti nei LEA".