In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Malattie cardiache, impariamo a riconoscere i fattori di rischio

Malattie cardiache, impariamo a riconoscere i fattori di rischio
Sono la principale causa di morte al mondo. Eppure, manca ancora consapevolezza sui fattori di rischio, come ha mostrato l'iniziativa itinerante "Le Strade del Cuore" svolta su tutto il territorio nazionale. Pronta a ripartire per una nuova edizione
3 minuti di lettura

Colpiscono tante, tantissime persone. Sono la prima causa di morte a livello mondiale, con più di 18 milioni di decessi (dati riferiti al 2019). Eppure, per assurdo, le conosciamo ancora poco, o meglio poca è la consapevolezza in materia di malattie cardiovascolari. E poca, o non adeguata, è la prevenzione. È quanto messo in luce dall'iniziativa "Le Strade del Cuore", realizzata da GVM Care & Research, che ha attraversato l'Italia a bordo della propria Clinica Mobile. Forte delle adesioni alla prima edizione nel 2021 - dove ha incontrato 2500 circa tra uomini e donne sopra i 40 anni in otto regioni - l'iniziativa è pronta a ripartire anche per il 2022. Scopo: diffondere la cultura della prevenzione per le malattie cardiovascolari.

"Pur essendo la principale causa di morte nei paesi occidentali, le azioni che mettiamo in atto a contrasto delle malattie cardiovascolari sono ancora poche e comunque non sufficienti - commenta  il prof. Giuseppe Speziale, coordinatore delle Cardiochirurgie di GVM Care & Research e presidente della Mitral Academy - manca l'autoconsapevolezza che sono malattie molto diffuse e pericolose, ma almeno in buona parte prevenibili e per questo le azioni a contrasto dovrebbero essere più mirate. A tutt'oggi non c'è un protocollo standard di prevenzione". Ecco perché, prosegue il cardiologo, l'augurio è che comunità scientifiche, di pazienti e governo, possano mettere in atto questo protocollo di prevenzione che ancora manca. Continuando al tempo stesso a insistere su tutte quelle buone abitudini - dalla rinuncia al fumo, al mantenimento del peso ideale, a una buona alimentazione, basata sui capisaldi della dieta mediterranea, all'attività fisica svolta con costanza e alla riduzione dello stress - che aiutano e allenano il sistema cardiovascolare a funzionare meglio.

Per la popolazione standard - eccezion fatta dunque per i casi particolari con condizioni famigliari predisponenti al rischio - il consiglio di del prof. Speziale è di realizzare un check-up intorno ai 40 anni, magari dopo averne parlato anche con il proprio medico. È questa l'età in cui solitamente cominciano a presentarsi, continua, e in cui è possibile agire per contenere i rischi: "Penso a qualcosa che comprenda una visita cardiologia, con esami di laboratorio, elettrocardiogramma, ecocardiogramma e TC calcium score index, un test che misura il calcio presente sulle nelle coronarie facendo uso di una tac senza mezzo di contrasto e a bassa irradiazione e che permette di stimare il rischio coronarico". Qualcosa che consenta di standardizzare le procedure di check-up oggi lasciate a iniziative personali, anche per cercare di colmare quella mancanza di consapevolezza ancora oggi presente quando si parla di fattori di rischio, dalla famigliarità, alla pressione arteriosa elevata, al colesterolo e, alla glicemia alti, allo stress. Non è una solo una sensazione: i dati raccolti durante la prima edizione de "Le Strade del Cuore" lo hanno messo chiaramente in evidenza: "Anche i fattori di rischio più banali da intercettare sono spesso sottovalutati: da nord a sud, manca proprio l'attenzione sul tema", riprende Speziale: "Per esempio, circa il 25% dei soggetti che abbiamo intercettato nel tour diceva di non avere problemi di colesterolo, e invece aveva valori alterati, e anche sulla pressione arteriosa pochi erano consapevoli del rischio, gli uomini meno delle donne: più della metà dei primi non sapeva di averla alta, contro circa un terzo del sesso femminile".

Giuseppe Speziale, coordinatore delle Cardiochirurgie di GVM Care & Research e presidente della Mitral Academy
Giuseppe Speziale, coordinatore delle Cardiochirurgie di GVM Care & Research e presidente della Mitral Academy 

Quando si parla di malattie cardiovascolari, uno degli errori più frequenti è infatti pensare che si tratti di qualcosa che interessa sempre gli altri. Ma dal momento che i fattori di rischio impiegano anni prima di esplodere in una malattia, e considerato che molte di quelle cardiovascolari non danno sintomi se non in fase molto avanzata, continua Speziale, il consiglio, di nuovo, è quello di affidarsi al medico e di effettuare un check-up quando consigliato. Per capire a quale classe di rischio si si appartiene, e intervenire per tempo.

Un discorso valido tanto per le patologie coronariche, che per quelle valvolari, che riguardano le valvole cardiache, molto spesso croniche: "Si tratta di patologie che tendono a evolvere nel tempo, e nelle quali il fattore tempo è fondamentale: c'è una finestra in cui sottoporsi a interventi dà una possibilità di recupero elevata, mentre se è troppo tardi i rischi aumentano e diminuiscono così anche le possibilità di recupero. Una visita cardiologica con ecocardiogramma consente già di capire se sono necessari ulteriori accertamenti". Ed eventualmente di intervenire, beneficiando degli enormi passi avanti compiuti in cardiochirurgia negli ultimi anni, divenuti sempre meno invasivi. Come quelli che hanno riguardato la chirurgia della valvola mitrale, di cui si discuterà nel prossimo MICS 2022 The Mitral Conferences promosso dalla Mitral Academy, il 16 e 17 giugno a Lecce., dove presenzieranno i più importanti esperti internazionali delle patologie mitraliche.  "Uno dei temi di cui si discuterà sarà proprio la possibilità di impiantare valvole mitraliche via catetere, come già avvenuto per la aortica. Si tratta di un cambiamento radicale, perché potrà avere un'applicazione su una popolazione numerosa, e considerata ancora oggi troppo a rischio per altri interventi", conclude Speziale.