Contenuto riservato agli abbonati

Il disturbatore dello Zoncolan fa un pubblico pentimento

Giulio, ingegnere elettronico appassionato di ciclismo, scusandosi per ciò che ha fatto ha avallato il proprio pentimento anticipando alcune iniziative benefiche che intende attuare

UDINE Da imputato a personaggio da libro Cuore: così è cambiata in una settimana la vita di Giulio C. (chiede di non citare il cognome per intero), il tifoso fiorentino che sabato scorso, sulle rampe finali dello Zoncolan, con la sua esuberanza ha rischiato di fare danni al bolognese Lorenzo Fortunato, poi vincitore della tappa. Uno dei tanti sconsiderati che quotidianamente si esibiscono impunemente sulle strade della “corsa rosa” ma che stavolta avrebbe rischiato guai penali dopo l’intervento alla Questura di Udine di Enzo Cainero, organizzatore delle tappe regionali del Giro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

I nomi della Rosa. Con Luciana Castellina e Stefano Massini, Francesco Bei e Karima Moual

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi