In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
PROVA

Per Salvini non è successo nulla: “Il congresso federale quando saremo al governo da tempo”. Ma la base mormora, Zaia: “Risultato deludente. Ora riflessione seria sulle cause”

Depauperato il predominio al Nord. La Lega avrà 100 parlamentari grazie al risultato della Meloni

Leonardo Pini
Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Creato da

(ansa)

Questa volta non si affaccia nessuno dalla sede della Lega in Via Bellerio. Nel 2019, dopo le elezioni europee, Giancarlo Giorgetti brandiva da una finestra degli uffici leghisti una statuetta di Alberto da Giussano, il personaggio che si erge sul simbolo del partito guidato da Matteo Salvini. Il consenso superiore al 34% era stato preceduto dal 17% alle politiche del 2018 e portò di lì a poco alla crisi del Conte II con la richiesta di «pieni poteri» dalle spiagge del Papeete. La tarda mattinata del 26 settembre ha un sapore diverso, agrodolce per i vertici della Lega. L’8.8% delle elezioni rappresentano il punto più basso della segreteria di Matteo Salvini, abile a cavallo tra il 2016 e il 2019 a costruirsi un’immagine forte, d’impatto e altrettanto incapace, dalla crisi del Conte II in avanti, di essere il volto della coalizione di centrodestra. 

«Il 9% non mi soddisfa, ieri sera sono andato a letto incazzato ma ora sono carico a molla. Mi prendo la responsabilità, no alle autoassoluzioni». Niente autoassoluzioni, ma nemmeno autocritica, visto che sono questi gli unici punti di serio commento alle elezioni. I 100 parlamentari, o poco meno, che la Lega riuscirà ad eleggere sono per gran parte frutto del risultato di Giorgia Meloni, traino della coalizione. Una magra consolazione quella degli eletti se si confrontano i dati tra le elezioni del 2018 e quelle appena passate.Mentre nell’altro campo, il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, annuncia un nuovo congresso e la sua intenzione a non ricandidarsi, per Salvini un congresso federale è un ipotesi in là nel tempo: «Dobbiamo valutare con Roberto Calderoli, che è il massimo esperto, quanto tempo ci metteremo a fare tutti i congressi cittadini, poi provinciali e regionali. Poi faremo un bel congresso federale con idee, a quel punto la Lega sarà al governo già da tempo»

Il partito di Matteo Salvini guidava la coalizione in tutte le regioni d’Italia, anche nella circoscrizione Lazio 01, fortino elettorale del partito di Giorgia Meloni. Al Nord poi non c’era storia. La Lega governava in Veneto, in Lombardia e in Friuli-Venezia-Giulia dove esprimeva la forza della classe di governatori a sua disposizione. In Lombardia, dove era nata la Lega Lombarda bossiana, nelle quattro circoscrizioni la media dei voti era poco superiore al 29%. In Veneto, dove da 12 anni Luca Zaia governa con percentuali plebiscitarie, i voti erano stati ancora di più, superiori al 31%. Nel Friuli del governatore Fedriga si attestava il dato più basso, 25,8%, ma abbondantemente primo partito nella Regione. 

Nel 2022, governo Draghi e unità nazionale permettendo,quei voti sono scomparsi e hanno trovato una nuova casa: quella di Fratelli d’Italia. Doppiato in Lombardia (13,8% contro il 27,5 della Meloni), doppiato in Veneto (14,6% contro il 32,5%) e addirittura triplicati in Friuli-Venezia-Giulia (10,9% contro il 32,2%). Non è bastato un ritorno tardivo ai temi di sempre come l’autonomia differenziata per le regionI del Nord e a poco sono serviti i raduni nel prato di Pontida per risollevare almeno quella che si pensava essere una base solida del leghismo. In tutta Italia il blu del centrodestra è predominante grazie al trionfo di Giorgia Meloni e alla tenuta di Forza Italia. A questo giro il terzo incomodo è proprio il Capitano. 

Dalla base leghista sono arrivate le prime critiche e richieste di dibattito interno da parte degli esponenti della Lega. Luca Zaia, spesso visto come un possibile contendente alla segreteria di Salvini, ha dichiarato: «È innegabile come il risultato ottenuto dalla Lega sia assolutamente deludente, e non ci possiamo omologare a questo trovando semplici giustificazioni. È un momento delicato per la Lega – aggiunge – ed è bene affrontarlo con serietà perché è fondamentale capire fino in fondo quali aspetti hanno portato l'elettore a scegliere diversamente». Più tranchant è il giudizio di Gianantonio Da Re, europarlementare trevigiano della Lega: «Questa disfatta ha un nome e cognome, Matteo Salvini. Dal Papeete in poi ha sbagliato tutto  ha nominato nelle segreterie delle persone che hanno solo ed esclusivamente salvaguardato il proprio sedere». Del solito avviso Paolo Grimoldi, segretario fino al 2021 della Lega Lombarda: «Dignità impone dimissioni immediate. Basta con la barzelletta del regolamento, dei 'congressini' e del Covid, la questione è politica». 

Le onde in arrivo (discussione del tracollo, minoranza in un governo di centrodestra e altra dispersione di consenso) potrebbero essere troppo alte anche per  il Capitano che inizia ad affrontare i primi segnali di un ammutinamento. 

I commenti dei lettori