In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
PROVA

Meloni, prima uscita ufficiale a Milano da premier in pectore: “Con Berlusconi incontro concreto. Sono ottimista”

La presidente di FdI vede il Cavaliere ad Arcore poi si prende gli applausi al villaggio Coldiretti del Parco Sempione

Francesca Del Vecchio
Aggiornato alle 2 minuti di lettura

Creato da

(ansa)

Giorgia Meloni arriva a Milano per la prima uscita pubblica da premier in pectore quasi senza voce. Si scusa per i colpi di tosse ripetuti. Sembra provata dalle lunghe conversazioni di questi giorni: ad Arcore stamattina, dove ha visto Berlusconi, dalle trattative per la formazione del nuovo governo e dallo "studio dei dossier".È scaramantica: "Se ci verrà dato l'incarico per formare il governo, ci occuperemo del comparto agricolo". La platea la acclama, tra applausi, invocazioni e bandiere gialle. Meloni - blazer blu istituzionale sdrammatizzato da un paio di sneakers bianche - precisa subito: "Ho scelto di limitare le uscite pubbliche per dedicarmi anima e corpo ai dossier urgenti per essere pronti qualora saremo chiamati a governare questa nazione - ripete ancora, aggiungendo un sorriso quasi nervoso - Ma ho deciso di prendermi una pausa da questo giorni (di silenzio stampa) per venire qui al Villaggio Coldiretti perché è un comparto che sta vivendo un momento molto difficile, aggravato dalla pandemia. Su questo, vogliamo dare risposte concrete ma le proposte vanno lavorate nel dettaglio", dice ancora.

Rivendica poi la sua posizione sull'Ue: "Chi ha letto i giornali oggi si è reso conto che quando dicevamo che in Europa bisognava difendere i propri interessi nazionali non eravamo sovranisti. Perché tutti curano i propri interessi nazionali". Scende però un velo di imbarazzo nel suo sguardo quando Ettore Prandini, presidente Coldiretti e uno tra i papabili per il Ministero dell'Agricoltura, dice che il mondo agricolo italiano "ha un nemico in Europa che si chiama Timmermans, che dietro un elemento di attenzione all'ambiente, di nuova economia sostenibile nasconde tutti gli ambiti più violentemente speculativi che portano alla creazione del cibo sintetico". Applausi dalla platea, a cui lei non partecipa. Meloni sorride ma poco convintamente anche quando il padrone di casa parla di "Ministero della sovranità agroalimentare". Sembra meno scettica quando Prandini precisa "se il termine sovranità non piace, va bene anche solo un ministero dell'agroalimentare".

Meloni spiega anche di essere al lavoro sul caro energia: "Stiamo cercando soluzioni per intervenire sui costi dei consumi energetici autunnali. Non possiamo permetterci di non farlo. E posso assicurare che è una priorità del futuro governo". Solo qui, dopo quasi dieci minuti di intervento, la probabile premier nomina il suo partito: "Sapete quanto Fratelli d'Italia sia attento su questo tema. Come sul tema della sostenibilità economica e sociale". In platea annuisce il sottosegretario all'Agricoltura del governo Draghi, il leghista Gianmarco Centinaio. Ma tra lui e Meloni nessuno scambio prima del suo intervento sul palco. Questo sembra alimentare il sospetto di una certa lontananza tra le due forze della coalizione di centrodestra, specie dopo che ieri Matteo Salvini ha visto Silvio Berlusconi ad Arcore da solo. "Anche io ho visto Berlusconi. È stato un incontro concreto e siamo tutti al lavoro per fare del nostro meglio. Sono molto ottimista, il dialogo è stato costruttivo", aggiunge poi Meloni assediata da cameraman e fotografi mentre fa un giro tra stand e banchi del cibo sparsi lungo il percorso al Parco Sempione. Alla fine del tour, letteralmente un bagno di folla tra selfie e gente che la invita nella propria azienda agricola, Meloni sale in auto, mentre una poliziotta in servizio, da un'auto, le fa un video

I commenti dei lettori