In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
PROVA

Le destre europee a Roma per battezzare il governo Meloni

Niccolò Carratelli
1 minuto di lettura

Creato da

ROMA. Le destre europee guardano a Roma. Aspettano di veder nascere il governo di Giorgia Meloni, sognano di avere al loro fianco l’Italia nelle battaglie da condurre a Bruxelles, per «cambiare l’Europa». Una settimana dopo la netta affermazione di Fratelli d’Italia alle elezioni, quasi a voler battezzare la vittoria, in un hotel del centro di Roma si svolge la conferenza «Italian conservatism. Europe, freedom, identity». Un appuntamento che chiama a raccolta i rappresentanti dei principali partiti di destra, dall’Ungheria alla Spagna, dalla Svezia alla Polonia, fino al Portogallo.

L’organizzazione è a cura della Fondazione Tatarella e di Nazione Futura, cioè il think tank e l'associazione di riferimento della destra italiana che ha trionfato il 25 settembre. Il programma è fitto di dibattiti sull’economia e sulla politica estera, con uno spazio dedicato alle prospettive del futuro governo Meloni. A rappresentare Fratelli d’Italia c’è il co-presidente dei Conservatori europei, Raffaele Fitto, mentre all’ultimo non si presentano Guido Crosetto, fondatore del partito e consigliere di Meloni, e l’ex ministro Giulio Terzi di Sant’Agata, eletto al Senato nelle file di FdI.

D’altra parte, la linea europeista ribadita negli ultimi due mesi da Meloni non sembra particolarmente apprezzata tra i partecipanti al convegno. Ad esempio, per Mattias Karlsson, già leader dei democratici svedesi, freschi vincitori delle elezioni, «la maggioranza dei cittadini europei non sente di far parte di una comunità, pensa che vengano prima gli interessi del proprio Paese. E, se il popolo sente questo, noi dobbiamo rispettare il popolo». Poi c’è Jorge Buxadé Villalba, il vice di Santiago Abascal, leader di Vox, il partito spagnolo di estrema destra: attacca l’Europa dei burocrati, «il cosmopolitismo, che ci rende nomadi spirituali”, e “il globalismo, che ci allontana dalla natura e dalla famiglia».

E c’è Balasz Orban, esponente e direttore politico di Fidesz, il partito del premier ungherese Viktor Orban, che parla dell’«invasione dei migranti, che porta a una sostituzione dei popoli», e critica una politica che non chiude le frontiere perché «usa i migranti per contrastare l’inverno demografico». Questi i toni e gli argomenti, con Fitto al loro fianco ad ascoltare. Forse è solo un caso che, nella seconda giornata del convegno, i meloniani, da Crosetto a Terzi, non si siano fatti vedere. Certi amici, in attesa di avere l’incarico di governo dal presidente della Repubblica, è meglio non frequentarli.

I commenti dei lettori