In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio
PROVA

Inghilterra e Usa vincono e vanno agli ottavi: tris inglese al Galles. Agli Usa basta una rete di Pulisic per affondare l’Iran

Gli Stati Uniti incontreranno l’Olanda, la nazionale dei Tre Leoni opposta al Senegal

3 minuti di lettura

Creato da

(afp)

Iran-Usa 0-1
Gli Stati Uniti battono l'Iran nello scontro diretto del Girone B di Qatar 2022, aggiudicandosi il pass per gli ottavi di finale. 1-0 il risultato dell'Al Thumama Stadium di Doha, firmato da Pulisic nel corso del primo tempo: grazie a questo successo la squadra di Berhalter sale a 5 punti e scavalca al secondo posto proprio gli iraniani, costretti a restar fermi a quota 3. Ora gli statunitensi se la vedranno con l'Olanda nel primo match della fase ad eliminazione diretta.

Dopo le primissime battute di gara di grande equilibrio, dal quarto d'ora in poi sono gli statunitensi a premere sull'acceleratore, iniziando a portare pericoli continui nei pressi dell'area avversaria. Al 17' il brivido più grande è targato Dest, che sfonda a destra proponendo al centro un bel cross su cui non interviene nessun compagno, mentre una decina di minuti più tardi Weah non sfrutta un rimpallo favorevole, colpendo male di testa davanti a Beiranvand. Il vantaggio degli States arriva comunque al 38', quando una sponda aerea di Dest sul lancio di McKennie favorisce Pulisic, che da due passi non può sbagliare l'1-0. Prima del riposo gli americani troverebbero anche il raddoppio con Weah, reso vano però da un fuorigioco millimetrico sulla verticalizzazione di McKennie.

Nella ripresa l'Iran deve per forza di cose provare a rimettersi in carreggiata, creando al 65' una grande opportunità con il neo entrato Ghoddos che, servito da Gholizadeh, spara fuori da ottima posizione. Gli uomini di Queiroz non mollano restando in partita fino all'ultimo istante, e nel lungo recupero (9 minuti) spaventano ancora gli Stati Uniti con un colpo di testa di Pouraliganji, prima di recriminare per un presunto fallo da rigore su Taremi giustamente non fischiato. Al triplice fischio resiste così l'1-0 che spedisce gli Usa agli ottavi.

Galles-Inghilterra 0-3
Il derby del Regno Unito se lo aggiudica l'Inghilterra che supera il Galles 3-0 e stacca il pass per gli ottavi di finale dove domenica affronterà il Senegal mentre Bale e compagni sono eliminati. Decidono il match la doppietta di Rashford e il gol di Foden tutti nel secondo tempo mentre deve ancora rimandare l'appuntamento con il gol Harry Kane decisivo però in veste di assistman. La rivalità tra Galles e Inghilterra dura da 143 anni e va in scena alla Coppa del Mondo. È il 104esimo incontro tra le squadre e la posta in gioco non è mai stata così alta, con in palio la qualificazione agli ottavi di finale dei Mondiali. Page cambia schieramento tattico e lancia dal primo minuto il tridente formato da Bale, Moore e James; in mediana ai lati del confermato Ampadu spazio per Ramsey e Allen, preferito a Wilson, mentre in difesa Mepham-Rodon coppia centrale davanti a Ward, in campo al posto dello squalificato Hennessey. Diversi cambi anche da parte di Southgate che lancia Walker in difesa al posto di Trippier e propone un centrocampo a tre con Henderson titolare al fianco di Rice e Bellingham; in attacco panchina per Mount, Sterling e Saka e chance dal primo minuto per Rashford e Foden ai lati del confermato Kane.

L'avvio è prudente per entrambe le squadre. Al 10' l'Inghilterra va vicina al gol: con Rashford che a tu per tu con Ward gli tira addosso appena dentro l'area. Al 15' ci prova Foden ma la sua conclusione è fuori. Al 24' ci prova ancora Rashford, la sua conclusione dal limite colpisce in pieno Williams che una decina di minuti dopo è costretto a lasciare il campo. L'Inghilterra attacca mentre il Galles fa fatica finanche a superare la metà campo. Il primo tempo è un monologo della nazionale dei Tre Leoni che però non riesce a segnare nonostante i ripetuti tentativi soprattutto di Rushford e Foden. Nel recupero del primo tempo, al 50' ci prova il Galles ma la conclusione di Allen è fuori misura. La prima frazione di gioco si chiude sullo 0-0 ma la differenza di valori in campo è evidente con l'Inghilterra padrona del campo e del gioco anche se imprecisa e il Galles che si difende e si fa vivo dalle parti di Pickford solo nel finale. Opaca la prestazione di capitan Gareth Bale tanto che Page nella ripresa lo sostituisce con Johnson.

A inizio ripresa arriva il vantaggio dell'Inghilterra: è Rashford, direttamente su punizione, a battere Ward. Palla al centro e nemmeno due minuti dopo arriva il raddoppio, stavolta di Foden. L'uno-due risveglia il Galles e al 10' la conclusione di Moore dalla distanza viene deviata da Maguire verso la propria porta, con Pickford che è costretto agli straordinari deviando in angolo. Il tris dell'Inghilterra arriva al 23' e porta la firma ancora di Marcus Rashford ma anche stavolta Ward non è esente da colpe. Al 30' Bellingham va vicino al 4-0 ma stavolta il portiere dei Dragoni non sbaglia. Il Galles prova una reazione d'orgoglio e prova a rendersi pericoloso in un paio di occasioni nel finale ma senza successo. Il derby del principe William è dell'Inghilterra, anche stavolta.

I commenti dei lettori