In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Un’altra magia di Di Natale abbaglia anche il Milan

2 minuti di lettura
Dai i tuoi voti ai bianconeri

UDINESE-MILAN 1-0

UDINESE
(4-4-2) Handanovic; Isla (27’ pt Basta), Coda, Domizzi, Lukovic; Lodi (37’ st Sammarco), D’Agostino, Inler, Pepe (32’ st Sanchez); Floro Flores, Di Natale. All. Marino.

MILAN (4-3-1-2) Storari; Oddo, Nesta, Kaladze, Zambrotta; Gattuso (14’ st Abate), Pirlo, Flamini; Seedorf; Pato (14’ st Ronaldinho), Inzaghi (28’ st Huntelaar). All. Leonardo.

ARBITRO Banti di Livorno.

MARCATORE Al 22’ Di Natale.

NOTE Angoli: 3-6. Recupero: 3’ e 4’. Ammoniti: Di Natale e Coda per proteste, Nesta e Seedorf per gioco falloso. Espulso: al 38’ st Flamini per doppia ammonizione. Spettatori: 20 mila circa di cui 7.039 paganti più quota abbonati (non comunicata).

di Pietro Oleotto

UDINE. Come costruire un gioiello con una gemma. L’Udinese apre il manuale dell’orafo al capitolo giusto e raccoglie la seconda vittoria di fila in casa, stavolta ai danni di una delle grandi, il Milan. Un Milan compassato per più di un’ora, nonostante lo svantaggio. Compassato e perfino sonnolento, nel ritmo e nella scelta delle soluzioni offensive, quasi tutte ancorate alle giocate - sull’elastico del fuorigioco - di Inzaghi, mentre il “giovin fenomeno” Pato finiva per una sera su Raitre, per una puntata di “Chi l’ha visto?”.

L’Udinese invece è riuscita a capitalizzare le virtù di un 4-4-2 offensivo, con Lodi a destra e Pepe sull’altro fronte del centrocampo, un modulo decisamente diverso, nello spirito, da quello visto a Napoli, anche perchè Isla è finito nuovamente dalla parte giusta, sulla corsia di destra, dove questa volta, vestendo i panni del terzino, ha sempre dominato l’avversario diretto e contribuito a costruire il gol da tre punti.

Proprio su una sua accelerazione, sfruttando la copertura di Pepe e la sponda di Floro Flores, il cileno è arrivato a un passo dalla linea di fondo, ha piazzato un dribbling secco a rientrare sul sinistro e ha calciato in modo quasi perfetto, tanto da superare Storari e farsi bloccare solo dal palo. Ma il “legno” non è stato crudele: ha restituito il pallone al campo e al destro di Di Natale che ha messo dentro il gol numero 7, senza trovare stavolta “sbandieratori” folli sulla sua strada. Uno a zero. Meritato.

Peccato soltanto che subito dopo la iella si sia ripresa tutto quello che la buona sorte aveva regalato all’Udinese nell’azione del vantaggio togliendole Isla (sospetta lesione muscolare alla coscia destra) e costringendo Marino a rendersi conto di quanto sia una iattura quel ruolo, visto che già a Napoli aveva dovuto sostituire il terzino destro. Ieri, alla mezz’ora, ha dovuto lanciare nella mischia il serbo Basta che ha risposto bene per un semi-esordiente, ma che non ha la fisicità di Isla in fase difensiva e che, quindi, ha dovuto alzare la soglia dell’attenzione ai massimi livelli (nel tempo degli inserimenti) con il Milan costretto dagli eventi ad avanzare il baricentro, ma senza convinzione.

Tanto che si sono viste ancora polvere di stelle bianconere in campo tra i due tempi: prima con un tiro da fuori area di Inler, poi con una perfetta combinazione tra i due attaccanti di Marino che ha portato l’Udinese a un soffio da raddoppio dopo appena una manciata di minuti della ripresa. Controllo in corsa di Floro Flores, steso da Nesta (poi ammonito), vantaggio concesso a Di Natale e volata verso la porta di Totò: tocco sull’uscita di Storari ed esultanza che si strozza nella gola del Friuli solo per colpa del palo.

Dieci minuti più tardi Leonardo decide di averne le tasche piene del mini-Pato e di un Gattuso che non è più caricato a Duracell come succedeva un tempo. Dentro Ronaldinho e Abate per creare qualche grattacapo alla difesa bianconera e poi anche Huntelaar per Inzaghi, mentre Marino nel finale spedisce in campo Sanchez e Sammarco per Pepe e Lodi.

Ma nell’ultima mezz’ora il Milan fa traballare l’Udinese soltanto una volta, quando Dinho apre un corridoio in area per Zambrotta e Seedorf raccoglie il rimpallo per spedirlo però sul corpo di Domizzi. Tutto qui il Leo-Milan che chiude anche in dieci: rosso a Flamini, nero per Galliani in tribuna. I tre punti restano in Friuli.
I commenti dei lettori