In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Rabottini, fuga per la vittoria

Il giovane pescarese vince dopo 150 km in solitaria sotto la pioggia. Rodriguez ritorna in maglia rosa

2 minuti di lettura
(ansa)

PIAN DEI RESINELLI. Tanto tuonò che... piovve. Poco (in senso figurato), ma piovve. In una giornata zuppa, trascorsa passando dentro e fuori dalle nuvole, il Giro ritrova il vecchio padrone, Rodriguez. Ma soprattutto applaude un grande ragazzo, Matteo “Rambo” Rabottini, figlio d’arte, in fuga per 150 chilometri, quasi tutti in solitaria, in una giornata di tregenda.

Il pescarese, sul traguardo della quindicesima tappa, batte proprio quel Purito Rodriguez che due minuti prima aveva mollato il gruppo maglia rosa e lo aveva raggiunto con uno scatto. Lo spagnolo non trova il coraggio di rovinargli la festa. Questa è la tappa di Rabottini e guai a togliergliela. Tanto, non c’erano nemmeno gli abbuoni in palio...

Gli altri? Se la giocano mollicci nell’ultima salita, come temuto. Anzi: Scarponi manda avanti Cunego per mettere in croce Basso, che nell’ultima discesa prende contatto, ma poi rientra. L’affondo del marchigiano va in accoppiata con un altro affondo, quello dell’Astana in discesa, che scalfisce appena Basso. Ma ora facciamo un po’ di moviola.

Lampi e tuoni. A Busto viene osservato il secondo minuto di silenzio in due giorni, stavolta per le vittime del terremoto in Emilia Romagna. Molti corridori sono stati svegliati dalla scossa. E al mattino alle 7 sono arrivati pure i controlli antidoping.

Si parte e ci si ritrova presto senza Schleck, che aveva voglia di fare il Giro come noi di lanciarci col parapendio. Si perde presto anche Giovanni Visconti. Ciao. La prima clacsonata la danno Rabottini e Bonnafond, andando in fuga bagnata. Dietro di loro l’esercito multicolore si sfila come una collana rotta e, sul valico di Valcava, Rabottini resta solo.

Il francese molla, mentre dal gruppo si sganciano Bruseghin (ciao Visconti), Petrov, Sella, Ulissi, Malori, Txurruca, Losada, Flecha, Pinotti, Pirazzi e Rohregger . Piove sempre, senza sosta. Mentre Pinotti cade e tenta disperatamente di recuperare, dal gruppo rientrano su Ulissi & Co. anche Cunego, Amador e Larsson. Cunego si ritrova maglia rosa virtuale, mentre gli altri farebbero volentieri a meno di lui: il gruppo – escluso Scarponi perchè ce l’ha mandato – sa che lo prenderà. I big fanno spallucce e si fermano perfino a fare pipì.

C’è ancora una discesa killer. E poi una salita vera. Nella discesa Basso, attaccato dall’Astana, si perde, poi rientra in gruppo con un paio di compagni. Della salita di Pian dei Resinelli già abbiamo detto: tutti a sospingere Rabottini con il cuore. E non invano.

Da domani. Al Pian dei Resinelli (quest’ultimo era il padrone della miniera locale) c’è qualcuno che porta a spasso un asino in maglia rosa. Escluso che si tratti del canadese Hesjedal, che rimane secondo, il riferimento forse va a chi la prenderà a Milano. Viste le ... imprese delle prime due settimane, c’è solo l’imbarazzo della scelta nel dare il titolo a chi ha più “tirato indietro”. La prossima volta consigliamo agli organizzatori, ammesso che salvino la pelle, di fare due distinti giri: quello della pelandronite (due settimane) e quello più tradizionale (il finale).

Già è difficile raccogliere gli sponsor, già è difficile conquistare spazi sui media, se anche i capitani decidono di farsi pagare per fare poco e nulla, pensando che la gente si diverta a vederli traccheggiare, allora è finita. E non ci si racconti che è perchè adesso sono “piu onesti e puri”.

Per fortuna ci sono ragazzi come Rabottini a farci emozionare ancora. Ma ce ne vorrebbero di più. Un Giro in cui se la giocano pure figure che un tempo sarebbero state di contorno, è comunaue mezzo Giro. Ma Basso rinvia tutto alle prossime tappe e... non abbiamo il coraggio di dargli torto.

Ieri, in una giornata per lui pessima, ha nonostante tutto rintuzzato. Certo, gli avversari non avevano nomi altisonanti come qualche anno fa (ma sullo Zoncolan Evans aveva 38 di febbre), ma queste due erano le tappe che meno gli si addicevano. Un’ultima insidia: Ivan teme il maltempo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori