In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Campione, se ci sei è ora di battere un colpo

Oggi inizia la settimana delle grandi salite che deciderà il Giro d’Italia. Purito Rodriguez in maglia rosa, Basso (per il momento) rimane nascosto

1 minuto di lettura

LIMONE DEL GARDA. Piove sul Giro, piove sul bagnato. La corsa rosa, che ieri ha riposato in vista delle titaniche salite dell’ultima settimana, non potrà prescindere dal Maltempo (eh sì, è previsto maiuscolo) che inseguirà i corridori fin quasi a Milano e ad esso si dovrà adeguare.

Dicono gli organizzatori che le strade vengono tenute costantemente pulite, lassù, fin sul Giau e sullo Stelvio. E aggiungono che, dovessero esserci problemi, casomai sarebbero dovuti a possibili slavine. Auguriamoci di no, altrimenti quello che è già stato un Giro con il freno a mano, diventerà la caricatura di una corsa a tappe.

In testa ora c’è, in virtù di tre scattini a fine tappa, Joaquin Rodriguez detto Purito, seguito dal canadese che non molla Ryder Hesjedal. Terzo, con 1’21” di ritardo, il grande favorito (per lui sarebbe tris rosa) Ivan Basso, che si è sempre tenuto nell’ombra. Autospeditosi a casa quel pelandrone di Frank Schleck, che senza il fratello Andy è poca cosa (ma la Sky è intenzionata a cacciarlo), ci sono da tenere d’occhio ancora il ceko Kreuziger e, per le vittorie di tappa, Pozzovivo, Rujano e poco altro.

Nei prossimi giorni (ma lo diciamo da un po’ e questi dormono della lunga), in successione sono previsti gli arrivi di: Falzes (oggi dopo 173 km senza strappi mostruosi), Cortina passando per cinque passi dolomitici, Vedelago per l’ultima volata, Alpe di Pampeago (da fare due volte dopo aver passato il Manghen, il Passo dello Stelvio (arrivo a Cima Coppi transitando per Tonale, Aprica e Mortirolo), infine, la crono media (30 km) di Milano. Tutti dicono che le tappe chiave sono Pampeago e Stelvio. Lo dicono con cognizione di causa: due arrivi in salita non concederanno a nessuno di traccheggiare o, peggio, di barare: o ci sei e vai, o non ci sei e piombi giù. Rodriguez non è un mostro da alta montagna, piuttosto uno scattista da salita, ma è pur vero che di Campionissimi in giro non ce n’è più e forse non ce ne sono da tanti anni.

Il vescovo Basso distribuisce benedizioni e sorrisi curiali, ma sa di avere una sola cannonata a disposizione. Guai a sbagliarla. Scarponi, che ha vinto d’uffigio il Giro 2011, non è ancora brillante. Kreuziger, poi, sembra in affitto, più che padrone dell’Astana.

Qualcuno malignamente dice che senza le addizionali chimiche (leggi rabbocchi in corsa) tutti pedalano con l’occhio incollato alla spia rossa. Magari fosse. E magari non ci fosse davvero doping. Invece, specie per alcune squadre straniere, non è cambiato davvero granchè.

I commenti dei lettori