Martignacco a Trento: l’arma in più si chiama entusiasmo

MARTIGNACCO. Sulle ali dell’entusiasmo per sfatare il tabù Ata. Nella quarta giornata di campionato l’Itas Città Fiera sarà in campo a Trento contro la formazione guidata da Marco Mongera. Un campo...

MARTIGNACCO. Sulle ali dell’entusiasmo per sfatare il tabù Ata. Nella quarta giornata di campionato l’Itas Città Fiera sarà in campo a Trento contro la formazione guidata da Marco Mongera. Un campo difficilissimo, che nella scorsa stagione la squadra di Martignacco non riuscì a violare. Caravello e compagne ci proveranno domani alle 18, spinte dal grandissimo entusiasmo per il successo dello scorso turno contro San Lazzaro.

Lo Studio 55 Ata è reduce dalla vittoria per 3-0 su San Donà. Uno dei punti di forza della squadra trentina è rappresentato dal gioco al centro con Bogatec e Zeni, grandi protagoniste dell’ultimo match. Bogatec, centrale di 186 cm, protagonista, qualche stagione fa, della promozione del Trentino Volley in A2, nello scorso turno ha ottenuto il 90 per cento di positività in attacco; Zeni è stata invece molto efficace a muro. Dopo tre giornate l’Ata ha 4 punti; l’Itas Città Fiera ne ha sei. Si tratta di uno scontro diretto, in cui però la formazione trentina parte avvantaggiata per il fattore campo e per una complessiva maggior esperienza nella categoria. La società friulana ha chiesto alle ragazze di riscattare la sconfitta della passata stagione e ha chiesto, come al solito, il massimo impegno. Nell’incontro settimanale la dirigenza ha «lodato il lavoro svolto dagli allenatori e dalle atlete». Secondo la società la gara contro San Lazzaro è stata memorabile. «Si è visto un gruppo unito e compatto che lotta senza paura - ha fatto sapere la dirigenza -. Il gruppo è giovane, ma molto motivato; diverse giocatrici hanno ampi margini di miglioramento, anche se, secondo noi, vanno ancora limitati gli errori al servizio».

La squadra si è allenata al gran completo, senza particolari intoppi, gettando le basi per un risultato positivo. Al termine della partita la squadra di Martignacco rientrerà in Friuli, dove alle 20.30 l’Atomat affronterà Bassano. Una sfida chiave in ottica salvezza. L’Itas Città Fiera deve pensare solo a se stessa, ma il risultato del match al Benedetti non la lascerà indifferente, visto che sia Udine che Bassano hanno gli stessi suoi punti. Intanto nei giorni scorsi la società ha presentato ufficialmente il progetto “Libertas Cresce”, che mira alla qualificazione e alla crescita tecnica del settore giovanile e che vedrà salire in cattedra Luca Pieragnoli. (m.t.)

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Hawaii, l'incontro inaspettato è da brividi: fotografo si imbatte in uno squalo bianco mentre nuota

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi