Martignacco contro Udine: è un derby da non fallire

B1 donne: la Città Fiera, forte dei 6 punti in più, vuole allungare. L’Atomat ha la necessità di interrompere la serie di quattro sconfitte di fila

MARTIGNACCO. Attesa alle stelle per il super derby di dopodomani tra Itas Città Fiera e Atomat. Alla vigilia della nona giornata di B1 femminile in Friuli si respira l’aria del grande evento.

Il match in programma domenica alle 17 a Martignacco e trasmesso in diretta streaming su www.fvgsportchannel.com è infatti sentitissimo da entrambe le squadre, sia perché mette in palio punti importanti per la classifica, sia perché le rivalità è davvero accesa. Potenzialmente le due formazioni si equivalgono, ma al momento la graduatoria dà ragione alla formazione di Martignacco, sesta con 15 punti, sei in più rispetto all’Atomat.

Le due formazioni arrivano a questo scontro diretto con le stesse ambizioni, ma con un percorso diverso. L’Itas Città Fiera ha una rosa giovanissima. Il gruppo ha iniziato a lavorare intensamente già quest’estate, riuscendo ad amalgamarsi bene in questi mesi. Essendo una squadra dall’età media molto bassa, ha nell’entusiasmo il proprio punto di forza e nella discontinuità un possibile punto debole. Finora la squadra di Cuttini è stata discontinua solo nelle gare in trasferta, in cui sono emerse insicurezze, specie in alcuni fondamentali. Proprio domenica scorsa la squadra di Martignacco ha centrato il primo successo in trasferta contro Jesolo, invertendo un trend negativo iniziato il 18 ottobre.

La squadra di Cuttini arriva dunque all’appuntamento di domenica con il morale alle stelle e avrà il vantaggio di giocare sul proprio parquet, cosa non proprio trascurabile. Nel proprio palazzetto e davanti al proprio pubblico le ragazze di Martignacco sono infatti un osso duro. Dal punto di vista tecnico il punto di forza della squadra di Martignacco è la difesa. L’Atomat dovrà avere tanta pazienza; la fretta di mettere giù la palla potrebbe risultare controproducente.

La squadra udinese è reduce da 4 sconfitte consecutive, l’ultima delle quali in casa con San Donà. Il derby è l’occasione giusta per dimostrare che la vera Atomat non è quella vista lo scorso sabato e le biancoblu hanno tutte le carte in regola per disputare una grande gara. I punti di forza della squadra udinese sono senz’altro il gioco al centro (con Papa e Giuliani che potrebbero fare la differenza), ma anche la caparbietà e l’affidabilità dei due liberi Graberi e Fasan. La squadra di Relato ha inoltre un pizzico di esperienza in più rispetto alle avversarie. Per il match di domenica entrambe le rose sono al completo. La speranza è che sappiano regalare al pubblico uno spettacolo bello e avvincente.

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi