Sono testa e cuore le armi di un super-Martignacco

Serie B1 femminile: l’Itas ha dimostrato carattere nel derby vinto con Udine La squadra di Cuttini può preparare senza pressioni la sfida al Porcia

MARTIGNACCO. Armonia in campo e nello spogliatoio, un ambiente sereno e tanto lavoro in palestra. Così domenica scorsa l’Itas Città Fiera è riuscita a battere l’Atomat. La gara è stata vinta sul piano psicologico, prima ancora che su quello tattico. La squadra di Cuttini è riuscita a mettere in pratica quello che aveva preparato in settimana, ma soprattutto è riuscita ad affrontare e poi a gestire il match con la massima lucidità e tranquillità. Anche quando la situazione era sfavorevole la squadra di Martignacco è rimasta concentrata e non si è mai demoralizzata. La tenacia e la lucidità hanno consentito alla squadra di Cuttini di esprimersi con continuità e proprio questo fattore ha avuto un peso rilevante sul risultato finale.

Per l’Itas Città Fiera si tratta di una doppia vittoria: la squadra friulana sta lavorando da mesi proprio su questo aspetto e le due ultime prestazioni hanno evidenziato che Caravello e compagne sono veramente sulla strada giusta. Due settimane fa la prima vittoria in trasferta della stagione contro Jesolo, domenica scorsa il successo netto sul derby. Due prove incoraggianti, che potrebbero lasciar presagire un piazzamento a metà classifica più che tranquillo. Le giocatrici stanno crescendo, di settimana in settimana, e il gioco di squadra ne ha tratto indubbio giovamento. Il successo sull’Atomat è stato costruito innanzitutto in ricezione, fondamentale che ha fatto registrare percentuali di squadra superiori al 70 per cento di positività. In tal senso va sottolineata, in particolare, la prova di Dian e di Caravello, due pilastri della seconda linea, sia in ricezione che difesa. In attacco la più efficace è stata ancora una volta Bianchin, con 17 punti. Anche le centrali hanno dato un contributo importante, sia in attacco che a muro (Figini 11 punti, De Stefano 8). A soffrire molto è stata invece Giommarini, bersagliata in ricezione. Stavolta Maria Victoria ha messo a terra solo 3 palloni. Buona la prestazione di Giora, che ha servito con intelligenza le sue attaccanti e che ha messo a terra anche qualche pallone di seconda intenzione. Positivo ancora una volta anche l’apporto della giovane Romano, che si è fatta trovare pronta quando chiamata in causa. Tre punti anche per lei.

Nel prossimo turno l’Itas Città Fiera dovrà affrontare il derby contro Porcia. Si tratta di una gara sulla carta molto difficile, ma non impossibile, visto che la Domovip ha diverse giocatrici acciaccate.

Monica Tortul

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi