Giada Carmassi come un razzo sui 60 brucia Tina Slenko

Esordio con il botto a Paderno per la velocista gemonese Alessandro Bruni del Malignan vince nel triplo con 12,73

UDINE. Esordio stagionale con il botto della gemonese Giada Carmassi nel 1° meeting indoor regionale che ieri è andato in scena all’impianto Ovidio Bernes di Paderno, allestito dalla Libertas Malignani-Libertas Udine. La portacolori del Brugnera-Friulintagli e campionessa italiana promesse 2014 sui 100 ostacoli outdoor (13’’68) ha onorato la prima uscita al coperto, aggiudicandosi i 60 metri ostacoli in 8’’61 davanti alla slovena Tina Slenko (9’’) e alla codroipese Noemi Miotto (10’’52). In batteria la ragazza allenata dal pordenonese Roberto Belcari, ex tecnico dell’azzurra Marzia Caravelli, aveva corso la distanza nel personale di 8’’58. Da ottima velocista Giada in precedenza aveva bruciato i 60 piani in 7’’77, crono con il quale aveva regolato l’azzanese Francesca Paiero (7’’82) e la triestina Irene Giovannini (8’’18). Sulle barriere degli uomini (106 centimetri), lo specialista goriziano Alessandro Iurig, anche lui in forza al team dell’Alto Livenza, ha vinto la prova in 8’’14 a 14/100 del lpersonale, migliorando l’ 8’’26 delle batterie. Nella finale ha anticipato sul filo Xhonaldo Shtylla (Malignani,8’’35) e lo sloveno Cehuvin Urban (8’’70). Vittoria della promessa azzanese Elisa Paiero (Brugnera) sui 60 metri piani che ha dominato in 7’’64 (7’’71 in batteria) sull’allieva triestina Anna Lisa Modesti (7’’81). Nella finale 2 l’udinese Sara Namer con il tempo di 8’’16 si è imposta sulla triestina Giovannini (8’’20) e sull’isontina Quargnal (8’’26). Bronzo per lo junior udinese Federico Rossi (Malignani) sui 60 sprint, gara che ha chiuso in 7’’22 alle spalle della coppia slovena Enej Leban (6’’97) e Ales Peloz (7’’08). D'oltre confine anche il vincitore della finale/B per mano di Jermei Lapajne in 7’’30 e quello del salto con l’asta, concorso che l’accreditato Jure Batagelj ha fatto suo superando la quota di 4,65 metri. Vittoria friulana invece nel salto triplo ad opera del talentuoso allievo Alessandro Bruni (Malignan) dove è atterrato a 12,73 metri. Hanno completato il podio il compagno di società Nicola Silvestri (12,68) e il codroipese Andrea Paron (12,53). La prova femminile è stata appannaggio della pordenonese Luisa Carniello con un salto di 11,48 metri, misura che le ha consentito di lasciarsi alle spalle Cinzia Melchior (Malignani/10,34) e Alessia Arcicasa (Brugnera/10,01).

Vincenzo Mazzei

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi