In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Riecco Zola dopo il sogno con Pozzo

Tre anni fa la finale per andare in premier con il Watford, ora si rimette in gioco in Italia col “suo” Cagliari

2 minuti di lettura

UDINE. Ha lasciato da signore, presentando una lettera di dimissioni alla società e pubblicandone un’altra ai tifosi, ringraziandoli per le emozioni condivise e spiegando loro che il Watford veniva prima di tutto. È stato dunque un commiato l’ultimo atto del rapporto tra l’attuale allenatore del Cagliari Gianfranco Zola e la famiglia Pozzo, una storia nata nell’estate del 2012 dall’intesa pattuita con un accordo sulla parola, e tramontata il 16 dicembre del 2013, quando Zola se ne andò senza sbattere la porta non avvertendo più gli stimoli necessari, e forse neanche la fiducia, per proseguire da allenatore sulla panchina del club inglese seguito con attenzione da Gino Pozzo, trasferitosi a Londra.

In mezzo a questa breve ma intensa storia condotta all’insegna dei migliori propositi, Zola e i Pozzo hanno condiviso un sogno chiamato Premier League, e con esso un salto a piè pari nell’èlite del calcio inglese, là dove i milioni di sterline affluiscono copiosi e che, in caso di promozione degli “Hornets”, avrebbero potuto anche ristabilire le gerarchie tra le consorelle Granada e Udinese.

Sogno infranto. Invece Zola si è trovato suo malgrado protagonista di una delle tante storie che nel calcio fanno da spartiacque, e che col senno di poi può essere stata la madre degli attuali problemi del club inglese. Tutto girò, e male, il 27 maggio del 2013, quando nella finale dei play-off della Championship a Wembley, il Watford perse di misura per 1-0, cedendo il posto in Premier a quel Crystal Palace che in campionato era arrivato quinto a cinque lunghezze dai gialloneri.

A infrangere il sogno, davanti all’intero stato maggiore dei Pozzo presente al gran completo, ci pensò il 39enne Kevin Phillips su calcio di rigore decretato all’ultimo minuto del primo tempo supplementare per atterramento di Cassetti ai danni di Zaha. Lì svanì il sogno, il Watford ricominciò la stagione successiva ancora dalla Championship e Zola abdicò a metà dicembre dopo 5 sconfitte consecutive, in un periodo tra l’altro delicato anche per l’Udinese, con Guidolin prima, e Di Natale dopo, anch’essi sibillini su possibili ritiri anticipati.

Chi si rivede. «Questo sport non aspetta», scrisse Zola in quella famosa lettera ai tifosi, una regola anche di vita che ha fatto sua anche Zeljko Brkic, un altro ex che oggi cercherà di stoppare il ritorno dell’Udinese alla vittoria. Brkic ha fatto le valigie da poco, ha capito che tra Karnezis e Scuffet lo spazio era poco e il tempo stava volando via, e così ha chiesto di essere ceduto. L’Udinese lo ha girato in prestito al Cagliari, conservandone quindi la proprietà e con essa la possibilità di farlo rientrare alla base. Zola lo ha voluto pur sapendo che Zeljko a Udine ha avuto poca fortuna, con un’accentuata propensione agli infortuni. Preso dal Siena nel 2012, Brkic si è fermato 4 volte perdendo 27 partite per infortunio e disputandone 50 con l’Udinese.

Altri affari. Brkic a Cagliari è solo l’ultimo dei molti scambi fatti tra le due società. Nella lista di ex famosi si ricordano, tra gli altri, Pepe, Muzzi, Firicano, Branca, Marchetti, e portieri come Corti, Chimenti e Koprivec.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori