L’Itas c’è, mancano i punti: a Cerea friulane sconfitte

B1 femminile: per Martignacco tanto carattere e buon gioco Le venete, però, hanno fatto pesare la superiore esperienza

CEREA. Sconfitta onorevole dell’Itas Città Fiera nella penultima giornata di andata della serie B1 femminile.

La squadra di Cuttini è tornata dalla provincia di Verona senza nemmeno un punto, ma con la soddisfazione di aver confermato carattere e buon gioco.

La formazione di Cerea ha sfruttato al meglio i propri punti di forza, facendo leva sulla grandissima esperienza di Zampieri in primis, ma anche su quella di Brutti, Borin e Pericati. La squadra di Cuttini ha faticato a ingranare nei primi due set mentre nella terza frazione di gioco ha trovato il ritmo giusto ed anche quella continuità di rendimento necessaria a mettere in difficoltà le ben più quotate avversarie, che si sono confermate squadra di alta classifica.

Da segnalare l’infortunio ad una caviglia di Figini nel finale del quarto set. Infortunio (per fortuna non grave) che ha spiazzato la squadra di Cuttini.

La centrale si è fata male in un momento cruciale del set e dell’intero match, togliendo così alla squadra friulana la possibilità di giocarsi fino in fondo tutte le proprie chance di successo.

Un pizzico di rammarico dunque per lo sfortunato evento, ma anche tanta consapevolezza che le avversarie si sono dimostrate più forti e con una capacità maggiore di gestire le situazioni critiche.

Il numeroso pubblico friulano al seguito non si è detto deluso delle prestazione delle ragazze, che hanno comunque onorato il nome di Martignacco anche in questa circostanza, nonostante la sconfitta. Giudizi positivi anche da parte dela società, che ha fatto sapere di essere soddisfatta della prestazione di tutte le atlete scese in campo.

La squadra ha insomma retto bene, difendendo quanto più possibile gli attacchi potenti delle avversarie.

«La difesa con Dian e Caravello ha retto bene fino che ha potuto – spiega la società –; quando nel terzo set abbiamo battuto bene ed i muri hanno incominciato a funzionare la nostra squadra ha messo in difficoltà l'avversaria, vincendo poi il parziale. Nel quarto set, poi, l'infortunio a Figini e quattro battute errate hanno inciso in modo determinate sulla possibilità di pareggiare i conti, cosa che ci avrebbe permesso di portare a casa un punto prezioso».

Cuttini ha fatto scendere in campo Giora in regia, Bianchin opposto, Caravello e Giommarini all'ala, De Stefano e Figini centrali e Dian libero; sono state impiegate anche Colonnello, Manig e Rucli.

Monica Tortul

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi