Dal pavè ai ragazzi Murro per il rilancio del mitico Ceresetto

Il team festeggia i 52 anni e si presenta oggi a Fagagna L’ex pro ora ds: «Prepariamo uomini prima che corridori»

MARTIGNACCO. Cinquantadue anni di storia, successi da raccontare ai posteri e soprattutto ciclisti formati alla vita. La cosa più importante. La Libertas Ceresetto Pratic Danieli oggi alle 16.30 si presenta nella sede dello storico sponsor, la Pratic dei fratelli Orioli, gente con lo sport nel sangue, a Fagagna. Tre squadre al via Giovanissimi, Esordienti, Allievi, una trentina di ragazzi, una fatica bestia per trovare sponsor e volontari, ma tanta passione nella truppa del presidente Andrea Cecchini. E da quest’anno un nuovo direttore tecnico, chiamiamolo così, Cristian Murro. Uno che, di questi tempi, una decina d’anni fa aggrediva il pavè delle classiche del Nord come una delle migliori speranze del ciclismo italiano. Sei anni tra i pro in maglia Miche, Tenax, Lampre, sei vittorie tra cui nel 2007 la perla Tre Valli Varesine e carriera finita anzitempo per un caso di doping da cui è poi uscito innocente. Due anni di squalifica per la positività a un diuretico nel 2007, assoluzione in Tribunale a Pordenone nel 2010. Intanto Murro era diventato venditore di bici, marito di Marina, friulana giudice di gara, e padre di due gemelli. Da varesino doc a friulano di adozione, compagno di allenamenti di Enrico Gasparotto. Ora? Negozio a Reana (Quality Bicycle, sponsor tecnico del Ceresetto) e nuova vita da...insegnante di ciclismo. Perchè? «Semplice, la bicicletta è la mia vita - spiega - insegna a diventare uomini, voglio aiutare una gloriosa società sportiva del Friuli a forgiare persone prima, eventualmente corridori poi: tutto qui». Non poco. Murro fa il meccanico, il ds, coordina il lavoro dei tecnici della società. E ancora: cerca sponsor e fa pubbliche relazioni. In bici? Poco tempo. C’è da organizzare una squadra. «Correremo in tutto il Triveneto - spiega Murro - e abbiamo pure un percorso protetto per i ragazzini a Martignacco. Murro fissa un obiettivo. «Costruire a Ceresetto una squadra juniores, in Friuli oltre alla Danieli, tra l’altro nostro sponsor, e e al Caneva non ce ne sono e allora spesso i ragazzi smettono di correre». Parole sagge. Il Ceresetto punta, oltre che sulla strada, anche su ciclocross e mtb. «Multidisciplinarietà» dice Murro. Riparte il Ceresetto. Sulle orme delle glorie Elena Cecchini, Fabio Masotti, Andrea Fusaz, Alex Buttazzoni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi