Maria Delpin, prima finale nazionale in 20 anni da coach

Con la Libertas Martignacco under 14 campione regionale dal 27 al 31 maggio prossimi a Porto San Giorgio

UDINE. Si definisce un’operaia del volley e preferisce stare in disparte, lontano dai riflettori. In questa stagione Maria Delpin si è guadagnata però, con merito, un posto al sole.

Dopo avere fatto da seconda a Jacopo Cuttini in serie B1 femminile, ha guidato la squadra under 14 della Libertas Martignacco targata Vanello combustibili alla conquista del titolo regionale di categoria.

A prescindere da come andranno le finali nazionali a fine maggio, per lei è stata un’annata straordinaria e arricchente. Già, perché Maria, nonostante i 50 anni, per niente si sente arrivata.

«Ho vissuto questa stagione – spiega – come un’opportunità di formazione. È stato un anno molto faticoso, ma costruttivo. Lavorare con Jacopo è stato davvero gratificante e arricchente, perché mi ha dato molta fiducia e anche molta responsabilità, sia durante gli allenamenti sia in gara. Allenare con lui in B1 mi ha insegnato molto e grazie al confronto costante ho potuto poi trasferire molte competenze anche nell’U14. Gli ho chiesto molti consigli nell’arco dell’anno».

Maria Delpin ha vissuto questa stagione come un’occasione per rimettersi in discussione, imparare cose nuove. Avrebbe voluto vivere questa straordinaria esperienza 20 anni fa, a inizio carriera da allenatrice.

«In futuro spero di mettermi in gioco ancora con le giovani – racconta –. Mi piacerebbe mettermi a disposizione di un gruppo che deve crescere e preferirei lasciare il posto in prima squadra a qualche altro allenatore meritevole. La stagione in B1 è stata fantastica, avrei voluto viverla 20 anni fa, all’inizio del mio percorso».

Intanto, Maria Delpin dovrà guidare le sue ragazze alle finali U14 a Porto San Giorgio, nelle Marche, dal 27 al 31 maggio.

«Abbiamo vinto il titolo regionale a sorpresa – racconta con soddisfazione –. È stato un risultato sorprendente, che ha premiato anche il grande spirito di sacrificio dimostrato da queste ragazze. È stato un anno meraviglioso: tutte si sono dimostrate disponibili a lavorare e hanno messo in campo anima e cuore. Tutto quello che riusciremo a ottenere alle finali nazionali sarà positivo».

Per Maria Delpin è la prima finale nazionale giovanile da allenatrice. «Credo – aggiunge – che siamo arrivate a questo risultato anche grazie alla società, che gestisce in maniera professionale tutti gli aspetti».

In 20 anni da allenatrice Maria Delpin ha conosciuto tante atlete e tante società, ma la ciliegina sulla torta è arrivata forse alla fine. «Al termine di ogni stagione – conclude – penso sempre di smettere e di dedicare più tempo alla famiglia, ma poi è più forte di me».

Maria Delpin, papà friulano e mamma sarda, abita a Udine da undici anni. Fa l’insegnante (precaria) di educazione fisica nel capoluogo friulano. In Friuli ha allenato in serie D e C e a livello giovanile a Udine, Pradamano, Gemona, Reana del Rojale e Martignacco.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

I soldati ucraini sbagliano a usare il mortaio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi