Atletica, Crnigoj bissa il successo di Rieti

L’ostacolista junior del Malignani, già Bronzo ai giovanili, é campione regionale a Gorizia. Doppietta della Vitale (Libertas)

GORIZIA. Periodo top per l’ostacolista junior del Malignani Gabriele Crnigoj, pupillo del tecnico Edmondo Codarini. Bronzo agli Italiani giovanili di Rieti, l'udinese centra il personale di 15’’20 sui 110 ostacoli (aveva 15’’35) ai regionali individuali assoluti e promesse di Goriziae si regala il titolo di campione regionale assoluto.

Fuori gara Desirèe Rossit (Fiamme oro Padova) salta 1,89 e Marco Bortolato, compagno di giubba, scaglia il martello a 65,30. A quota 1,78 nell’alto si ferma invece Eleonora Omoregie del Malignani (allenata da Francesco Comuzzo) e si aggiudica il titolo della specialità. Doppietta della senior Ilaria Vitale (Libertas Friùl Palmanova) che da specialista sul giro di pista domina i 400 piani in 54’’80 (3° crono all time del Fvg) e quelli sulle barriere basse in 58’’86.

Vincente anche la sorella promessa Ylenia che brucia i 200 in 24’’65 davanti ad Anna Lisa Modesti (Cus Trieste/ 24’’81) che aveva primeggiato sui 100 in 12’’04. Terza in 25’’50 l’udinese del Malignani Sara Namer.

Altri nuovi campioni e campionesse regionali del Malignani: Luca Sordi nel giavellotto che ha atterrato oltre la fettuccia dei 60 metri (62,84), Filippo Driussi su 10 km di marcia, Matteo Spanu nei 3.000 siepi, Cinzia Melchior nel triplo (10,85), Canci-Namer-Cussigh-Ulcigrai nella 4x100 (48’’88), Angelika Wegierska sui 100 sprint promesse (12’’11), Gabriele Pippo nell’asta promesse (3,80), Giada Andreutti nel disco (47,88), Elisa Rovere sugli 800 (2’19’’20), Francesca Iacuzzo nel giavellotto (46,11), Alessandro Bruni nell’alto (1,90), Martina Molinaro nell’asta (3,60) e Oliver Viviani sui 1.500.

Tre allori anche per Gemonatletica con Valerio Forgiarini nel disco assoluto (48,31), Sara Copetti nel martello promesse (49,86) e Francesco Nardone sui 5.000 promesse. Di spicco: 4,70 nell’asta dell’allievo triestino Max Mandusic; 3’51’’54 sui 1.500 di Eyob Ghebrehiwet (Brugnera); 10’’77 sui 100 e 21’’07 sui 200 di Elijah Mensah, ghanese nato in Italia che difende i colori della Trieste atletica; 1’51’’60 sugli 800 di Mattia Picello (Brugnera); 55’’98 sui 400 ostacoli di Diego Dalla Costa (Equipe team Pordenone); 3’58’’93 sui 1.500 dell’allievo Jacopo De Marchi; 14’52’’87 sui 5.000 di Steve Bibalo; 6,80 nel lungo del triestino Gabriele Bini; 1’51’’60 sui 1.500 di Mattia Picello (Brugnera).

Sui 5.000 donne (18’46’’50) ha vinto il titolo Juliana Driutti, portacolori della Maratonina udinese.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Omicidio a Foggia, quattro colpi di fucile e la vittima non ha scampo: in 10 secondi il killer uccide e scappa

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi