Manyuchi è di un altro pianeta: Frezza si arrende alla sesta ripresa

Trofeo Carnera: il welter dello Zimbawe vince per ko tecnico conservando il titolo iridato Wbc. Nei match di contorno Pisanti ha la meglio su Balestri e sale sul trono tricolore dei piuma

SEQUALS. È stata un’edizione da record, la trentesima del Trofeo Carnera, di scena a Sequals nel week-end. Particolarmente atteso il match clou valido, per il titolo intercontinentale Wbc dei pesi welter, che ha visto incrociare i guantoni il pavese Gianluca Frezza, 35 anni, e l’astro nascente Charles Manyuchi, 26enne originario dello Zimbawe, detentore del titolo.

Una sfida impari, che ha visto proprio Manyouchi vincere per ko tecnico alla sesta ripresa e mantenere la cintura iridata, ricevendo anche il prezioso guantone in mosaico (nelle medesime dimensioni del guantone di Primo Carnera) realizzato dalla Scuola Mosaicisti di Spilimbergo.

A far da cornice, altri quattro incontri fra t professionisti (tutti della scuderia Loreni). Ad aggiudicarsi la sfida per il titolo italiano dei pesi piuma fra il laziale Mario Pisanti e il toscano Alessandro Balestri, è stato ai punti il pugile di Latina, nuovo leader della categoria, visto che il titolo era vacante. Nulla da fare, sempre fra i piuma, per lo slovacco Leonardo Rafael, sconfitto dal ben più quotato italo-pakistano Shoaib Zaman.

Spettacolari gli incontri nella categoria pesi massimi fra Gianluca Mandras, vincitore ai punti su Sergio Romano, ed Eugenio Indaco, affermatosi anch’egli ai punti sullo slovacco Ladislav Slezak.

Appassionante poi la sfida tutta al femminile per la categoria pesi mosca, vinta dall’italiana Valeria Imbrogno sulla slovacca Claudia Ferenczi. Spazio anche alle giovani promesse. Dei quattordici pugili saliti sul ring, ben cinque quelli di casa, tesserati per la Società Pugilistica Pordenonese.

Nel primo match (categoria 75 kg senior), nulla da fare per Alessio Violin (Spp), sconfitto ai punti da Samuel Burlon (Riviera Muzzana Udine). Meglio è andata, nella categoria senior 60 kg, al compagno di squadra Giulio Frau (Spp), vincitore ai punti su Gianni Stroppolo (Apu Udine).

Molto avvincente il terzo match in programma, che ha messo di fronte, nella categoria senior 81 kg, Nezir Sezgin (Spp) e Francesco Paci (Treviso Ring): al termine di una gara molto combattuta, ha prevalso Sezgin. Vittoria ai punti per Simone Rosso (Riviera Muzzana Udine) su Pasquale Conte (Treviso Ring) nella categoria junior 80 kg e per Massimo Querin (Spp) su Alessandro Monterra (Diamond Ts) nei senior 81 kg.

Nella categoria Elite, vittoria di Armand Guga (Apu Udine) su Matteo Kommadina (Croazia), mentre si è concluso in parità il match fra Joseph Nicholas Noriz (Spp) ed Oraca Durim (Croazia).

La targa per il miglior pugile del torneo è stato consegnata dal sindaco di Sequals, Lucia D'Andrea e dal presidente della Pugilistica Pordenonese Andrea Fantin, a Giulio Frau, portacolari del sodalizio naoniano.

Video del giorno

Studenti in piazza a Torino, scontri con la polizia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi