Basso bis al rally del Friuli e le storiche fanno show

Il pilota trevigiano ha la meglio su Paolo Andreucci dopo sei prove speciali. I friulani De Cecco e Barigelli, acclamati dal pubblico, primi nella gara regionale

CIVIDALE. È stata ancora una giornata di emozioni intense quella offerta ieri dal 52º rally del Friuli Venezia Giulia - 21º Rally Alpi Orientali Historic -, evento che ha richiamato il pubblico delle grandi occasioni nei comuni della valle del Torre e del Natisone.

Lo spettacolo, infatti, non ha tradito le attese, con le gesta dei protagonisti del campionato europeo e italiano rally Storici e del Campionato Italiano Rally, oltre a quelli del Campionato Regionale Aci Sport.

Dopo la crono di Gemona, Giandomenico Basso e Lorenzo Granai alle note, si sono ripetuti su Ford Fiesta R5, vincendo tappa 1 del campionato italiano, incamerando così i 7,5 punti destinati al vincitore.

Il pilota trevigiano non ha avuto vita facile, con il nove volte campione italiano Paolo Andreucci (Peugeot 208 T16 R5) impegnato a dargli battaglia a colpi di decimi di secondo.

L’alfiere della casa del leone, che divide l’abitacolo con la friulana Anna Andreussi, ha pagato maggiormente la ripetizione delle tre speciali in programma, chiudendo a 6”4 dalla vetta. Gradino più basso del podio per il compagno di squadra di Basso, Simone Campedelli, sulla Ford Fiesta Ldi R5 divisa con Danilo Fappani.

Anche qua grande lotta per la posizione, con il fordista ad avere la meglio su Alessandro Perico e Mauro Turati (Peugeot 208 T16 R5), anche in funzione del Trofeo Rally Asfalto.

Il lucchese Luca Panzani (Renault Clio R3T) si è invece imposto nel campionato italiano due ruote motrici, davanti a Gilardoni-Bonato ed alle dame Federighi-Manfredi, prime nel Femminile.

Grande delusione per Umberto Scandola, subito out a causa di un contatto che ha strappato una ruota della sua Skoda Fabia R5. Ripartirà domani per tappa 2, più motivato che mai.

Il 21° Rally Alpi Orientali Historic vede leader al momento il bresciano “Pedro”, navigato da Emanuele Baldaccini su Lancia Rally 037, davanti a Da Zanche-De Luis (Porsche 911 RS), in ritardo di 11”6, ed alla vettura gemella dei sammarinesi Bianchini-Stefanelli, staccati di 26”2.

Nella gara regionale successo per Claudio De Cecco e Alberto Barigelli, l’acclamato equipaggio friulano grande favorito della vigilia, che sulla Peugeot 208 T16 R5 ha preceduto l'altro locale Filippo Bravi, in coppia con Bertoldi a bordo della Renault Clio S1600, e l’equipaggio turco Cukurova-Bostanci su Skoda Fabia R5.

Gran finale oggi, con partenza dalle 8, per la seconda tappa che propone la prova Trivio-Prepotto di 16,89 chilometri, prima della lunga Mersino (21,72 km), il tutto per due volte, poi epilogo sul palco di arrivo con musiche e premi ad hoc.

La bandiera per le storiche sarà alle 14.15, mentre per le moderne alle 16, con premiazioni sul palco.

 

Video del giorno

Propaganda Live, i silenzi di Matteo Salvini secondo Alessio Marzili

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi