In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Nibali: "Voglio un altro Giro. Rimpianto? Se a Rio..." - Video

Siamo andati nella tana di Nibali a Rovigno in Istria: pronto un super 2017

di Antonio Simeoli
2 minuti di lettura

ROVIGNO. «L’altro giorno in salita ci ha staccati tutti, voleva dimostrare a Visconti che il più forte è lui. Ha una grinta pazzesca, è lui il cuore di questo progetto». Parola di Franco Pellizotti, ex tricolore, 39 anni fra un mese. È stato voluto nel Team Bahrain Merida da Vincenzo Nibali, semplicemente l’anima del progetto lanciato dal principe Nasser Bin Hamad Khalifa. Si diceva da mesi che il giovane erede del Sultano, che si allena regolarmente in bici e partecipa agli Iron Men, volesse portare le sue risorse pazzesche nel ciclismo.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Gasparotto & Pellizotti, idee chiare: "Vincere e aiutare a farlo"]]

Quando a inizio anno aveva invitato Vincenzo Nibali nella sua tenuta da mille e una notte, dove alleva cavalli da competizione (l’altra sua grande passione), il mondo del ciclismo ha capito: aveva scelto lo Squalo per il suo progetto.

E il vincitore di due Giri d’Italia è partito subito in quarta, senza fare sconti in allenamento neanche a Visocnti, suo acerrimo rivale in Toscana tra i dilettanti. A sei mesi dal Giro e su una salitella dell’Istria. C’è un’altra corsa rosa da vincere e soprattutto c’è da battere il suo nuovo rivale ed ex compagno, Fabio Aru.

Nibali, hai una squadra tutta per te...

«Un progetto meraviglioso, il clima in squadra è molto bello: siamo tutti molto motivati».

Aru vuole vincere il Giro, tu anche: per il ciclismo finalmente siete rivali. Il ciclismo vive per le grandi rivalità. Ma questa è costruita o è reale?

«Sono sincero? A me pare costruita. È vero, saremo avversari in corsa perché ora in team diversi, ma Fabio Aru è stato sempre un compagno leale. E io lo sono stato con lui. Al Tour dovevo correre in appoggio per lui è così ho fatto, Fabio aveva promesso di aiutarmi alle Olimpiadi e, nonostante il risultato non sia stato buono per me, lo ha fatto alla perfezione. Sono siciliano, io e Fabio ci stringemmo la mano, ha rispettato quel patto e per me questo è tutto».

Nella tana di Nibali

Fatto sta che dovrai batterlo...

«Beh, mi sto già preparando alla grande, ho attorno dei compagni motivatissimi. Cambierò un po’ i programmi: niente Liegi Bastogne Liegi, niente Giro del Trentino ma il Giro della Croazia, poi dieci giorni in altura al Teide e via con il Giro. Servirà partire forte, le tre tappe in Sardegna sono insidiose e alla quinta frazione c’è il “mio” Etna».

La notte sogni di più l’attacco a Chavez nella tappa decisiva del Giro a Sant’Anna di Vinadio o la caduta di Rio?

«No no...niente è il passato, ora guardo solo al futuro. Penso al nuovo team che vuole iniziare subito forte. Però a Sant’Anna...

Vai avanti...

«È stata una cosa meravigliosa. Sapevo che dovevo attaccare, tutta l’Italia mi spingeva a farlo. Sapevo che non potevo deludere i miei tifosi. È stato meraviglioso».

E Rio? Quanto ripensi a quella caduta, l’oro era lì a un passo.

«Intanto penso che mi sono fatto male, che ho rotto la clavicola e quando mi vedo allo specchio ci sono ancora le cicatrici. È andata così, devo guardare avanti, ma adesso una cosa a cinque mesi di distanza la posso dire: pur di non cadere avrei firmato per una medaglia d’argento o di bronzo. Ho 32 anni, non so se potrò conquistare ancora una medaglia olimpica...».

Nel 2017 il Giro, nel 2018 dicono che il Mondiale in Austria sarà molto duro. E al Tour? Tornerai per vincerlo?

«Nel 2018 certo che sì, ma attenzione a non correre troppo. Prima c’è da correre un grande 2017».

Ritrovi in squadra due vecchie conoscenze Gasparotto e Pellizotti, due friulani.

«Gasparotto sarà il nostro faro nelle classiche, sa bene cosa fare e i suoi consigli, come sempre, saranno utili. Pellizotti? Sono diventato grande con lui alla Liquigas, il suo ruolo sarà fondamentale».

Via, il pomeriggio è pieno d’impegni. C’è da fare un’ora d’auto fino ad Abbazia, lo aspettano per le visite mediche. La stagione è ormai alle porte. Si parte a fine gennaio dall’Argentina. «Ma ci vediamo a fine maggio in Friuli, c’è la tappa di Piancavallo...». Guarda Enzo Cainero. Pensa alla promessa di tre anni fa: «Vincerò sullo Zoncolan...». Nel 2018? Ride. Abbazia aspetta. Per il Kaiser ci sarà tempo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori