In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Si ritira un grande: Daniele Molmenti

L’oro olimpico di Londra 2012 diventa direttore tecnico della Nazionale. «Ma mi rivedrete sulla canoa dei carabinieri»

2 minuti di lettura

PORDENONE. L’urlo di Londra, quei bicipiti di fuori, la tuta dell’Italia indossata con orgoglio. La carriera di Daniele Molmenti, campione olimpico 2012, passa dalla cronaca alla storia.

Il campione di Pordenone si ritira, ma allo stesso tempo raddoppia. E’ infatti stato nominato direttore tecnico delle squadre nazionali assieme a Ettore Ivaldi. Altri Molmenti cresceranno, dunque, con i buoni consigli di Daniele, in vista di Tokyo 2020. Obiettivo tornare su quel podio, con una medaglia dello stesso colore.

In uno sport come la canoa slalom, dove l'età media delle medaglie olimpiche è di 24 anni, non è una sorpresa che un ragazzo classe '84 decida di appendere canoa e pagaia al chiodo per aprire un altro capitolo della sua storia sportiva.

Molmenti è ancora l’unico, nella sua specialità al mondo, ad aver vinto tutti i titoli principali, oltre alle Olimpiadi, superando anche il suo maestro Ferrazzi con il titolo mondiale.

E’ stato lui stesso a spiegarci la sua decisione, che aveva confidato nei giorni scorsi agli amici della scuderia rallystica North East Ideas, di cui era stato ospite per la presentazione dei programmi 2017.

«Dopo Londra – ha dichiarato – ho provato a raddoppiare i successi ma le tante patologie dello sport d’alto livello mi hanno fatto capire che forse era un sogno troppo grande.

Un incidente in auto nel 2014 ha limitato fortemente la preparazione olimpica di Rio, e quando la direzione tecnica di allora ha valutato una mia brutta prestazione a causa di problemi fisici per premiare il giovane Giovanni, ho capito che era ora forse di cambiare attività. I carichi di lavoro per gli atleti di alto livello sono decisamente non salutari e se vuoi vincere quello che ho vinto devi spingere al massimo per tanto tempo. Nelle ultime due stagioni non sono mai riuscito a prendere la forma di Londra e allenarmi così non serve a nessuno».

Dal primo gennaio, il Corpo Forestale ha cessato di esistere e ora Molmenti fa parte dell’Arma dei carabinieri e in particolare del Centro sportivo della Benemerita.

«Da piccolo, quando vedevo la foto di mio bisnonno carabiniere in divisa, ho sempre sognato di indossarne una. Nella forestale avevo trovato un equilibrio ideale perché una volta smessa l'attività sportiva sarei rimasto in natura, dove mi piace operare.

Questo passaggio tuttavia non cambia le mie aspettative, anzi le migliora. Il regolamento militare, seppur rigido nell’idea comune, permette invece quella disciplina che anche nel campo sportivo è fondamentale. Io ho vinto perché avevo una mia disciplina militare nell'allenarmi e nel vivere d'atleta, ora da carabiniere sarà di certo più facile. E' un passaggio che permetterà a tutti gli atleti che vogliono vincere, di farlo con rigore e maggiore professionalità».

Quanto alla nomina a direttore tecnico della Nazionale insieme a Ettore Ivaldi, «mi sono proposto al presidente Luciano prima ancora delle qualifiche olimpiche dicendo che la mia esperienza l’avrei voluta restituire come tecnico per il futuro dei ragazzi. Avere l’approvazione all’unanimità del consiglio federale della Fick mi ha reso orgoglioso. Mauro Baron ha rifiutato e con Ettore Ivaldi sono ormai diverse settimane che lavoriamo e impostiamo il lavoro delle squadre nazionali e tutta l'attività federale.

C’è molto da fare ma siamo motivati e complementari nei ruoli, sicuramente un team vincente». Primo obiettivo «creare una squadra azzurra coesa. Ci proponiamo di puntare a Tokyo2020 già da protagonisti».

Ma non ti mancherà la canoa? «Quando ti piace una cosa così tanto non puoi certo smettere di farla, no? Poi correre con la canoa nera carbonio e la banda rossa con la scritta carabinieri è un sogno che finalmente si realizza. Mi rivedrete anche in acqua!».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori