In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Un anno dopo Astori, riaperto il Colosseo

2 minuti di lettura

No, non ci eravamo illusi. Lo sapevamo che non sarebbe durata a lungo la chiusura del Colosseo e che le mazze e le lance dell’ignoranza sarebbero tornate ben presto in azione, nelle curve, nei dintorni e anche nel mondo reale e in quello dei social. Ma dopo la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, il 4 marzo a Udine, c’era stato quel funerale a dare a tutti un po’ di speranza. Per lui piansero abbracciati tifosi che normalmente si disprezzano. I calciatori della Juventus, impegnati a Londra, viaggiarono di notte per esserci e furono applausi. Tutti capirono che poteva esser bello non tanto amarsi quanto rispettarsi.

Purtroppo è durata poco. E, neanche un anno dopo, anche Astori è entrato fra i bersagli del cretinismo più infame insieme con i cori pro Vesuvio, Heysel o Superga e i buu razzisti che in troppi ancora definiscono goliardici. È appena accaduto sui social del club gigliato dopo Fiorentina-Inter, presi di mira da fin troppi tifosi rivali che hanno vomitato l’irripetibile contro Astori. Immediata l’indignazione della Fiorentina, del sindaco di Firenze e del presidente della Figc. Dal resto del mondo del calcio, però, solo silenzio. Lo stesso che ha fatto seguito ai post di tifosi della Juventus nei quali si augurava la morte alla neonata figlia di Diego Simeone, mister dell’Atletico Madrid protagonista di un gesto inelegante nella sfida con la loro squadra.

Il Colosseo purtroppo è tornato più crudele di prima. A Milano c’è scappato il morto prima dell’ultimo Inter-Napoli, teatro anche della vergognosa aggressione sonora al difensore napoletano Kalidou Koulibaly, costata due gare a porte chiuse alla società nerazzurra.

Da lì in poi è cominciata la frenata delle punizioni e delle inchieste. I cori pro Vesuvio vanno avanti, così come quelli contro i giocatori di origine slava con la parola zingaro a mo’ di insulto, ovviamente oscurati dalla regia unica della Lega calcio. Nel frattempo il ministro degli Interni, Matteo Salvini, dopo essersi fatto fraternamente fotografare con un capo ultrà del Milan pluricondannato, ha ridato fiato alle curve frenando su qualsiasi misura che il calcio timidamente stava prendendo. Fifa e Uefa parlano di atteggiamento blando del nostro calcio, che ha più di un problema. Il primo è quello di non aver mai saputo, anzi voluto, far pulizia della feccia. Il secondo è quello di non aver generato un clima più sereno e credibile attraverso esempi e atteggiamenti di chi fa calcio. E anche di chi lo racconta: specie in tv imperano paragoni fra giocatori improbabili, Pelé o Messi e giustificazioni pelose al cospetto di atteggiamenti sbagliati di calciatori o dirigenti delle società influenti. Insomma, ci sono sempre meno cronisti e sempre più piazzisti delle partite, che si comportano come se il nostro pallone non fosse stato truccato in passato, facendo finta di non vedere che i Belzebù sono stati sì radiati ma sono ancora lì, in tv, sui giornali e negli spogliatoi, riveriti e osannati. Così ci si avvicina al wrestling, misto di agonismo e finzione teatrale. Ovviamente i migliori si fermano qui e sperano in meglio. Gli altri no, vanno tutti al Colosseo. — BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

I commenti dei lettori