In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Auguri Trap, per tutti l’essenza del calcio

L’allenatore domani compie 80 anni: vincente in campo e in panchina (ovunque) con un unico cruccio, l’arbitro Moreno

STEFANO TAMBURINI
2 minuti di lettura

IL RACCONTO

STEFANO TAMBURINI

Quella del Trap è una storia bella, la storia di due piedi ruvidi che hanno saputo essere ferro e piuma, la leggenda dell’animo nobile di un grande allenatore e immenso uomo di calcio. Non sono ottant’anni qualsiasi quelli di Giovanni Trapattoni detto Trap, perché nessuno meglio di lui può di dire di aver accompagnato per mano ogni passaggio del nostro calcio dell’era moderna, prendendo idealmente il testimone da Gipo Viani e Nereo Rocco.

Quella di Giovanni Trapattoni, nato a Cusano Milanino il 17 marzo del 1939, è la storia più bella che il nostro calcio abbia mai saputo scrivere. E non per i successi sul campo (tanti) e le sconfitte (non molte, spesso brucianti), non per i mezzi tecnici ma per quel suo modo di conquistare tutti con il lavoro, gli esempi, la dedizione.

Non c’è nessuno che possa aver attraversato tre mondi così diversi e così rivali come quelli di Milan, Juve e Inter riuscendo ad appartenere a pieno titolo a tutti e tre senza che nessuno possa rimproverargli il resto del cammino. E la spiegazione sta nel fatto di essere prima di tutto il Trap e poi un ex di qualcosa. Il segreto? Imparare, imparare, imparare sempre e insegnare senza mai salire in cattedra, anche se avrebbe potuto benissimo farlo. Quando giocò la prima partita in Serie A con la maglia del Milan era il campionato 1957-1958. In quella squadra magica c’erano anche Gigi Radice, Nils Liedholm e Cesare Maldini. L’allenatore era Gipo Viani, una sorte di università del pallone. Era l’anno del lancio del primo satellite nello Spazio, il sovietico Sputnik. Un altro mondo e oggi che è cambiato tutto, il Trap è ancora lì, attivissimo sui social, capacissimo di utilizzarli come un ragazzino. Ufficialmente non è in pensione, ha ricevuto ancora offerte ma ha declinato perché la moglie – conosciuta ai tempi del ritiro romano con la Nazionale Olimpica del 1960 – ha minacciato di cambiare la serratura. Il campo è una pagina chiusa ma è sempre lì, senza rimpianti, a parte il Mondiale nippocoreano chiuso in malo modo per colpa di un arbitro come Byron Moreno: «Quella partita vorrei rigiocarla, per il resto ho commesso errori ma sono stati fra i migliori insegnamenti che abbia mai ricevuto». Altro che il motto «l’unica cosa che conta è vincere», il Trap ci ha insegnato ben altro. Anche se le vittorie sono state tante. Da calciatore, sempre con il Milan ha raccolto due scudetti, due Coppe dei Campioni, un’Intercontinentale, una Coppa Italia e una Coppa delle Coppe. E in azzurro resta la perla di un Italia-Brasile a San Siro, lo stesso giorno dell’addio alla Scala di Maria Callas. Non fece toccar palla a Pelé, che anni dopo ebbe a dire: «Quel biondino era bravo davvero. Pulito, preciso, non tirava alle gambe: giocava d’anticipo».

Da tecnico il Trap ha cominciato con la tuta rossonera ma il meglio l’ha ottenuto con la Juventus e con l’Inter. È il primo italiano ad aver vinto scudetti in quattro tornei: in Italia, in Germania con il Bayern, in Portogallo con il Benfica e in Austria con il Salisburgo.

E poi ci sono le Nazionali. L’avventura con quella italiana è stata sfortunata. La storia dei Mondiali 2002 è la più grande amarezza vissuta in panchina, quasi come quella di Euro 2004 del biscottone Svezia-Danimarca. E c’è anche l’imbroglio di un gol da annullare invece convalidato alla Francia nello spareggio con la sua Irlanda per il Mondiale del 2010. Sarebbe stato un Mondiale meritatissimo.

Gli hanno messo addosso molte etichette, prima di tutte quella del difensivista per via dell’allenatore con il quale è stato più legato, Nereo Rocco. Ma chi ricorda le grandi squadre del Trap, ancora con i numeri fissi, non può fare a meno di snocciolare quelli dal 7 all’11 della Juve: Causio, Tardelli, Rossi, Platini, Boniek. E che dire della Fiorentina 1998-1999 che era in testa e a gennaio perse Batistuta per un infortunio e vide “scappare” Edmundo al carnevale di Rio.

Poi, certo, ci sono le frasi celebri come “Mai dire gatto se non l’hai nel sacco”, la conferenza stampa in un tedesco strampalato con il ritornello “Strunz, Strunz” . Era il nome di un giocatore ma voleva dire altro.

E ci sono i meravigliosi spot per la Fiat girati con l’amico Bruno Pizzul, una proposta di farlo senatore a vita e la leggerezza genuina che ha accompagnato i periodi da opinionista tv. Ottant’anni di un’eterna primavera, la storia d’amore fra l’uomo e il pallone. — BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

I commenti dei lettori