Tesser non fa drammi «Ci sono costati cari quei cinque minuti»