Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Bye bye Sema: il Watford se lo riprende

Lo svedese favorevole al rientro in Inghilterra voluto da Pozzo. Potrebbe restare agli Hornets o essere ceduto al Brighton

UDINE. Non ci sono solo Rodrigo e De Paul e Seko Fofana al passo d’addio all’Udinese. Tra i protagonisti che si sono conquistati la salvezza agli ordini di Luca Gotti, anche Ken Sema e Rodrigo Becao sono infatti con la valigia pronta, anche se al momento ci sono differenze sensibili tra i due, considerato che Gino Pozzo ha già deciso di riportarsi l’esterno mancino al Watford, la società di famiglia da cui lo aveva portato in prestito secco a Udine a gennaio, mentre resta ancora tutto da dec ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

UDINE. Non ci sono solo Rodrigo e De Paul e Seko Fofana al passo d’addio all’Udinese. Tra i protagonisti che si sono conquistati la salvezza agli ordini di Luca Gotti, anche Ken Sema e Rodrigo Becao sono infatti con la valigia pronta, anche se al momento ci sono differenze sensibili tra i due, considerato che Gino Pozzo ha già deciso di riportarsi l’esterno mancino al Watford, la società di famiglia da cui lo aveva portato in prestito secco a Udine a gennaio, mentre resta ancora tutto da decidere il futuro di Becao.

Al di là dei rumors di mercato che lo vorrebbero di rientro in Russia, il difensore centrale non sembrerebbe infatti così contento di tornare a Mosca, là dove il Cska vorrebbe acquistarlo.

Insomma, nell’Udinese (di Gotti) che verrà, oltre all’inventiva di De Paul e alla forza fisica di Fofana verrà a mancare anche lo spunto a sinistra di Ken Sema, uno che si è fatto apprezzare non poco, e che domani sera potrebbe concludere la sua avventura all’Udinese giocando da mezzala sinistra, là dove Gotti lo ha piazzato per esigenze nelle ultime giornate, trovando in risposta tanta applicazione, intensità e un adattamento al ruolo non forzato, a dimostrazione dell’intelligenza tattica.

A breve torneremo sulla stagione di Sema, ma prima va delineata la prospettiva di un ritorno a Londra che pare essere già stato concordato e sottoscritto a quattro mani. Già, perché oltre alla volontà di Gino Pozzo di riportarsi a casa un punto di forza senza dubbio utile in prospettiva Championship, con la Premier da riconquistare dopo l’amara retrocessione del Watord, c’è anche quella del giocatore.

E Sema vuole fare rientro in Inghilterra, là dove potrebbe non solo percepire, ma anche ritoccare il suo attuale accordo col Watford che prevede uno stipendio da 780 mila sterlina annui, equivalenti a 865 mila euro, una cifra fuori budget per l’Udinese. Sema potrà puntare a un ritocco col Watford, ma potrà anche valutare le offerte in arrivo, visto che la buona stagione italiana ha attirato acquirenti.

In Inghiltrerra piace al Brighton, società di Premier League che al contrario del Watford potrà contare sui 100 e passa milioni di sterline di diritti tv e quindi potrebbe allettare lo svedese.

Ripercorrendo la sua stagione all’Udinese, con 31 presenze e i due gol fin qui realizzati, il tifoso bianconero può dirsi rammaricato del probabile addio, soprattutto ripensando a quanto Sema ha dato in termini di personalità, sfondando spesso a sinistra, là dove gli esterni sono sempre molto importanti nel 3-5-2. Il suo posto sarà preso da Zeegelaar, che l’Udinese ha acquistato dal Watford per un paio di milioni di euro dopo averlo avuto in prestito nella seconda parte di stagione. Per lui finora 12 presenze e un paio di assist preziosi, ma senza palesare mai lo spunto di Sema.

Che farà invece Rodrigo Becao? Il classe ’96 che l’Udinese ha messo sotto contratto fino al 2024, dopo averlo prelevato dal Bahia, è tornato nel mirino del Cska di Mosca, che potrebbe presentare un bella offerta all’Udinese. Tuttavia, l’intenzione del giocatore non è quella di rientrare nella fredda Russia. Come finirà?