Scuffet non aspetterà lo Spezia all’infinito. Lunedì comincerà ad allenarsi al Friuli

Non sono giorni facili per Simone Scuffet. Un paio di settimane fa il portiere friulano festeggiava la promozione in serie A da protagonista – è bene sottolinearlo –, con la maglia dello Spezia. Lunedì, essendo ancora sotto contratto con l’Udinese, potrebbe presentarsi allo stadio Friuli per cominciare ad allenarsi agli ordini di Gotti. Tutto regolare? Non esattamente visto che Simone non è stato riscattato dallo Spezia (il diritto scadeva il 19 agosto e la cifra era solo di 1 milione di euro) e dopo il divorzio tra il club ligure e il ds Angelozzi la sua conferma nel gruppo di mister Italiano non è più così scontata.

Nell’intervista rilasciata al nostro giornale all’indomani della promozione in A il portiere di Remanzacco sembrava abbastanza convinto di tornare allo Spezia per vivere da protagonista quella serie A che si era conquistato sul campo. I giorni passano e da Spezia nessuno si è fatto avanti in maniera concreta. Simone continua a dare la sua priorità al club che lo scorso anno gli ha dato fiducia ma non intende tornare a dispetto dei santi. L’ipotesi di un prestito per una stagione allo Spezia rimane valida, ma attraverso il suo procuratore Federico Pastorello, uno che nella sua squadra ha altri numeri 1 del calibro di Handanovic e Meret, ha cominciato a guardarsi intorno.


Nei giorni scorsi si era parlato di un interessamento da parte del Genoa. In rossoblù, però, quasi sicuramente tornerà Perin e quindi quella casella è già stata occupata. Qualche occasione potrebbe presentarsi nel momento in cui dovesse muoversi da Napoli Meret e Sirigu dal Torino. Su entrambi c’è la Roma e considerando che a fare il vice di Ospina da Gattuso potrebbe finirci Sepe ecco che oltre all’ipotesi Toro, per Simone potrebbe aprirsi anche la soluzione Parma.

Non vanno poi trascurate le soluzioni della cadetteria. A 24 anni Scuffet vuole andare dove sa di avere la possibilità di giocare. Una di queste potrebbe essere il Brescia di Delneri: Joronen, infatti, è nel mirino della Roma per fare il secondo e la soluzione Rondinelle potrebbe fare al caso suo. Senza tralasciare qualche pista estera.

Adesso, però, è il momento di avere pazienza. Lunedì Scuffet si presenterà al Friuli e comincerà ad allenarsi. La soluzione ideale arriverà: perché Simone ha dimostrato di valere e perché un manager capace ed esperto come Pastorello sarà in grado di trovargli la soluzione per lui migliore. —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Arrosto di maiale con funghi e castagne

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi