Contenuto riservato agli abbonati

Il Pordenone sbanca Pescara: in campionato è la seconda vittoria per i neroverdi

PESCARA. Dopo due pareggi consecutivi, sei nel complesso in otto gare, alla nona giornata arriva la seconda vittoria per il Pordenone nel campionato di serie B. Ed è un altro successo esterno (il precedente ad Ascoli), cosa che conferma la propensione della squadra di Tesser a giocare di ripartenza, quando gli avversari sono chiamati a “fare” la partita.

Affermazione piuttosto netta quella dei ramarri a Pescara, anche se il giovane portiere Perisan ha dovuto compiere tre parate davvero difficili e decisive. Di Musiolik e Berra i due centri neroverdi, entrambi “sporchi”: quello del polacco, il suo terzo consecutivo, è un tocco d’anca su conclusione di Diaw, quello di Berra un tocco ravvicinato in sospetta posizione di fuori gioco, sia pure millimetrica. Il Pordenone, comunque, merita i tre punti.

Calciatori in campo con la scritta “no” sul palmo delle mani, contro la violenza sulle donne. Iniziativa della Lega B. E poi viene osservato un minuto di silenzio in ricordo di Diego Armando Maradona.

Parte forte il Pescara, al 2′ guizzo di Galano, bestia nera dei ramarri: stoccata ravvicinata, ottimo Perisan a deviare in angolo.

Al 14′ di nuovo un ottimo Perisan si oppone di nuovo su Galano, scattato sul filo del fuorigioco. Al 20′ azione caotica fra Magnino e Diaw in area: Pordenone vicini al gol del vantaggio.

Al 21′ Diaw dalla distanza non trova la porta e un minuto dopo parte nella sua classica fuga in velocità, si presenta davanti a Fiorillo ma il suo tiro da posizione defilata è respinto dal portiere Fiorillo.

E’ il preludio alla rete del vantaggio, che giunge al 24’: traversone di Magnino e tocco vincente di Diaw, con deviazione di Musiolik, a cui viene assegnato il gol. Poco dopo esce di poco un gran destro di Calò.

Il Pordenone nella ripresa gioca spigliato, forte del vantaggio, e al 13’ trova il raddoppio: tiro di Musiolik, respinta di Fiorillo e tap-in vincente di Berra.

Al 20’ la terza paratissima di Perisan su una mischia in area neroverde e cinque minuti più tardi i padroni di casa rimangono in dieci uomini per il rosso diretto a Fernandes, reo di un fallaccio a metà campo su Pasa.

E’ l’episodio che di fatto chiude la partita, giro di cambi, quattro minuti di recupero ed ecco il triplice fischio. Pordenone che sale a quota 12 punti, a ridosso della zona play-off.

Ora testa sul prossimo, durissimo impegno: nel posticipo di lunedì 7 dicembre, alle 21, Diaw e compagni affronteranno a Lignano l’Empoli, temporaneamente capolista assieme al Lecce con 18 punti, in attesa della Salernitana, che giocherà domenica alle 21 a Cosenza e della Spal, attesa nel “Monday night” sempre alle 21 sul campo della Virtus Entella Chiavari.

PESCARA – PORDENONE 0-2

PESCARA (3-4-2-1): Fiorillo; Balzano, Bocchetti, Jaroszynski; Bellanova (22′ st Memushaj), Fernandes, Valdifiori (22′ st Busellato), Crecco (44′ st Nzita); Vokic (22′ st Di Grazia), Maistro; Galano (35′ st Riccardi). A disp.: Alastra, Scognamiglio, Bocic, Antei, Ventola, Capone, Omeonga, Nzita. All. Oddo.

PORDENONE (4-3-1-2): Perisan; Berra, Vogliacco, Camporese, Falasco; Magnino (45′ st Zammarini), Calò, Pasa (27′ st Rossetti); Ciurria (45′ st Scavone); Diaw, Musiolik (32′ st Mallamo). A disp.: Bindi, Passador, Stefani, Del Savio, Banse, Foschiani, Bassoli, Chrzanowski. All. Tesser.

Arbitro: Ayroldi di Molfetta. Assistenti: Capaldo di Napoli e Perrotti di Campobasso. Quarto ufficiale: Abbattista di Molfetta.

Marcatori: al 24′ Musiolik; nella ripresa, al 13′ Berra.

Note: al 25′ st espulso Fernandes. Ammoniti Crecco, Camporese, Maistro, Bocchetti, Balzano e Diaw. Angoli 2-2. Recupero: pt 1′; st 4′.

LE ALTREPARTITE

Chievo - Lecce 1-2 (venerdì)

Brescia - Frosinone 1-2

Empoli - Vicenza 2-2

Pisa - Cittadella 1-4

Venezia - Ascoli 2-1

Monza - Reggina 1-0

Reggiana - Cremonese domenica ore 15

Cosenza - Salernitana domenica ore 21

Entella - Spal lunedì ore 21

LA CLASSIFICA

Lecce ed Empoli 18 punti, Salernitana e Venezia 17, Frosinone 16, Spal 15, Cittadella e Chievo 14, Monza 13, Pordenone 12, Brescia 9, Cosenza 8, Vicenza, Reggina, Pisa e Reggiana 7, Ascoli ed Entella 5, Pescara 4, Cremonese 3.

Tartellette di frolla ai ceci con kiwi, avocado e yogurt

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi