Il nuovo Pordenone riparte dalla rivoluzione in attacco

PORDENONE. Un reparto rivoluzionato. In attesa di presentare a breve il nome del nuovo allenatore, di cui già si conosce il nome (Massimo Paci, ormai ex Teramo), il Pordenone sta compiendo un’autentica metamorfosi in attacco.

Al momento soltanto Karlo Butic, in odor di prolungamento di contratto (sino al 2024), può dirsi certo del suo posto nella rosa neroverde della prossima stagione. Ovviamente i motivi sono i più vari. Per esempio, ben poca voglia ci sarebbe di liberarsi di Patrick Ciurria, dopo la splendida stagione, coronata da 9 gol e 11 assist, appena disputata. Ma i numeri del “Fante” non potevano non attirare diversi club di categoria e pure di serie A. Così si attende la proposta giusta per intavolare una trattativa e ricavare un tesoretto da spendere nel mercato in entrata. Se ne riparlerà sicuramente più avanti, visto che alcune società che avevano manifestato interesse nei confronti del giocatore (si pensi al Verona in A e al Brescia in B) sono ancora alla ricerca del nuovo allenatore.


Qualcosa di concreto, comunque, c’è già. Sia in entrata che in uscita. Sotto il primo versante si sa che vestirà il neroverde l’attaccante esterno Davis Mensah, in arrivo dalla Triestina. Mentre torneranno in riva al Noncello, dopo i rispettivi prestiti a Cosenza e Alto Adige, Luca Tremolada e Simone Magnaghi. Prospettive diverse, tuttavia, potrebbero attenderli. Il trequartista nella sua parentesi (5 gol e 4 assist da gennaio a maggio) calabrese ha fatto molto bene e, salvo sorprese, rimarrà a disposizione di Paci.

Mentre Magnaghi, che pur è stato tra i protagonisti dell’ottima stagione degli altoatesini di Stefano Vecchi, che proprio oggi ospiteranno l’Avellino nel ritorno dei quarti di finale dei play-off di serie C (all’andata 2-0 per gli irpini), dovrebbe essere destinato a un altro prestito. Termineranno il loro al Pordenone Alessandro Mallamo, Claudio Morra e Mattia Finotto, in procinto di rientrare ad Atalanta, Entella e Monza. Ancora in dubbio il riscatto del polacco Musiolik.

La rivoluzione dovrà essere completata con dei nuovi arrivi. In pole per il ruolo di prima punta c’è Luca Strizzolo (classe '92), che i neroverdi riabbraccerebbero volentieri per la quarta volta (quasi un record), in uscita dalla Cremonese. Si vocifera di un interesse per l’attaccante del Mantova, ma di proprietà del Parma, Walid Cheddira (’98), autore di 9 gol nell’ultimo torneo di serie C. Si cercano reti anche in altri reparti.

Così pare riscuotere un certo interesse dalle parti del De Marchi il centrocampista Manuele Castorani (’99), protagonista di una stagione d’oro (6 gol in 34 presenze) al Francavilla, sempre in C. Senza dimenticare il coetaneo Simone Santoro, che arriverebbe dal Teramo assieme a un suo estimatore: mister Paci. 

 

Video del giorno

Tokyo 2020, Federica Pellegrini scatenata su Instagram: ecco il suo balletto con Martina Carraro

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi