Contenuto riservato agli abbonati

Finale thrilling, cinque palloni sul ferro per andare in finale: l’Old Wild West perde in volata e ora dovrà vincere al Carnera

2020@joepappalardofotografo


UDINE. Va sotto, e di brutto, ma ci crede, lotta, e per cinque volte, almeno cinque volte, l’Old Wild West ha in mano la palla per andare in finale.

Niente da fare, mercoledì prossimo, mentre placida placida Napoli riposa, L’Apu aspetta Scafati per la resa dei conti. Peccato, perché il rammarico è tanto. Tantissimo. E la sfiga è tanta: Amato, ieri formato extralusso, ha avuto una ricaduta dell’infortunio subito a trapani ed è inj forte dubbio per mercoledì.

La partita si divide esattamente in due. Anzi, in tre. Primi due quarti e mezzo: Scafati ha più energia, i lunghi mettono in difficoltà quelli udinesi, specie Cucci e Benvenuti, le percentuali di tiro da due e da tre dei friulani non sono un bel presagio. Primo quarto: 23-18, in fondo poco rispetto a quel che s’è visto.

L’ambiente è ostile, i ferri del palaMangano sputano a ripetizione i tiri degli udinesi, Mian e Italiano sono fuori fase.

Capitan Antonutti, però, di gare così se ne intende e gioca da par suo. Boniciolli, in una partita nella partita a scacchi con Finelli prova ad aumentare la fisicità con Mobio, pareggia anche la partita, ma Scafati, che spadella da fuori, vince la battaglia sotto canestro.

Altro, pericolosissimo, allungo a +10 con due liberi di Thomas (36-26). L’inerzia all’intervallo è tutta dei campani anche perché, se Pellegrino accorcia da tre, Sergio, proprio sulla sirena, manda i suoi avanti 40-31, una bella mazzata.

A Udine per evitare una pericolosissima gara 5 ora servono 20 minuti magistrali. Va migliorato il 4 su 13 da tre o il 9 su 25 da due, servono e presto canestri dai lunghi per mettere pressione a quelli avversari.

È chiaro che la partita si deciderà molto alla ripresa. Infatti sembra accada, più o meno, come in gara 3: Scafati trova Gaines: +14 (47-33) dopo nemmeno due minuti.

Ma, come per incanto, l’Apu ritrova la fluidità in attacco perduta e con essa un pieno d’energia e autostima. Prima Antonutti, poi Nobile e Amato, con tre triple di fila, vedono in fondo i fanalini rossi del trenino Givova: 61-52 a 10”, meno 9 punti e potevano esser sette se Johnson (maltrattato dai rivali e non tutelato dagli arbitri, va detto) non avesse sbagliato allo scadere.

Si riparte e l’Apu ci crede, si riporta a meno 4 (61-57), sbaglia per tre volte il tiro del meno uno con Amato che, forte di un 4 su 5 da tre, a un certo punto ci prova in transizione anche da nove metri.

Giuri predica calma, ha ragione, l’inerzia per la prima volta qui in Campania è di Udine; 2+1 di uno straordinario Antonutti: 61-60 a 6’ dalla fine, eccolo il meno uno.

Due triple di Gaines e Thomas sembrano dare un’altra mazzata, ma stavolta è Mian che si mette in partita con due bombe da fantascienza che pareggiano a 69-69 a 3’ dalla fine. A 2’ l’Apu ha la palla per allungare Mian sbaglia la tripla, DJ no con un supercanestro da due. Ma poi fa fallo sul tiro da tre di Gaines.

Due liberi dentro, non tre. Una tripla di Johnson esce di un niente, ma chi se non Antonutti poteva esser sotto canestro a prendersi il fallo e mandare fuori per falli Thomas?

E così 73-71 Udine a 1’07” dalla fine. Scafati è ormai alla canna del gas, sbaglia. Attacca male però Udine con un tripla forzata di Giuri e Gaines impatta a 10” dalla fine. Ultima azione, tripla di Johnson fuori di un niente, ad Antonutti non riesce la magata da sotto: overtime. La fase tre che Scafati gioca senza Thomas.

Antonutti è celestiale con un canestro buttandosi all’indietro. Senza Mian fuori per falli Udine attacca sotto 80-79 a 34” dalla fine. Sbaglia due triple con Nobile e Johnson. Due tiri costruiti bene, che il ferro sputa di un niente.

Alla fine Cucci la chiude dalla lunetta, perché a DJ da metacampo non riesce il miracolo.

Ci sarà gara cinque, va bene, a conti fatti Udine ha avuto 5 match point nel match point tra fine dei regolamentari e overtime. Ma i ragazzi del West, specie quelli visti dopo il 35’, hanno la forza per vincerla. Eccome se ce l’ha anno. —


 

Video del giorno

Come mantenere i muscoli tonici: gli esercizi per rallentare la sarcopenia

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi