Contenuto riservato agli abbonati

L’Old Wild West resterà nel girone con le lombarde

L’ultima ipotesi della Lega non fa traslocare l’Apu. Cantù e Torino rivali toste, Verona va verso il gruppo sud

UDINE. Si rimescolano le carte, l’Apu Old Wild West si prepara a un probabile “trasloco” nel girone con le squadre piemontesi e lombarde. È quanto emerso dal consiglio direttivo della Lega Nazionale Pallacanestro, che a quanto pare ha recepito le richieste della società udinese durante l’assemblea della scorsa settimana. L’Apu non era soddisfatta di ritrovarsi in un girone che l’avrebbe vista affrontare lunghe trasferte, comprese le due in Puglia (Nardò e San Severo, sempre più vicina al ripescaggio) e quella di Scafati, e aveva formulato una proposta: invertire nei due gironi Udine e Verona con le toscane Pistoia e Chiusi. Proposta recepita a metà, a dire il vero, dato che il consiglio direttivo Lnp si è limitato a invertire Udine con Chiusi, lasciando Verona nel girone con il grosso delle squadre del versante adriatico (dall’Emilia Romagna in giù) e dividendo le due compagini toscane. Torino, Biella, Casale Monferrato, Cantù, Urania Milano, Treviglio, Assigeco Piacenza, Bakery Piacenza, Mantova, Orzinuovi, Pistoia, Trapani e Capo d’Orlando. Sono queste le avversarie dell’Apu Old Wild West nel girone dopo il “ritocco” operato dal consiglio direttivo Lnp.

Ora la palla passa al settore agonistico della Fip, a cui è stata proposta la composizione dei due gironi. La Federazione dovrebbe dare il via libera nel giro di pochi giorni, a ogni modo prima del consiglio federale del 29 luglio. Se non ci saranno obiezioni, Udine potrà ritenersi soddisfatta: pur dovendo volare in Sicilia per il secondo anno consecutivo, il contachilometri ne trarrebbe un gran giovamento.


C’è da dire che in un modo o nell’altro, qualche scontento c’è sempre, poiché la conformità dello Stivale non permette una suddivisione delle 28 squadre che si possa definire perfetta. Per quanto riguarda l’aspetto sportivo, la notizia è che con tutta probabilità assisteremo già in regular season a un duello fra Udine e Cantù, al momento le società che hanno investito di più sul mercato. Da un lato la voglia di toccare finalmente il paradiso, dopo averlo accarezzato arrivando in finale con Napoli, dall’altro la smania di tornare in serie A dopo un’amarissima retrocessione. —


 

Video del giorno

Pellegrini e Montano, campioni che smettono. Lo psicologo dello sport: "Persone, non solo atleti"

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi