Bomber cercasi: Udinese sulle tracce di Alario

L’argentino del Bayer Leverkusen ha il contratto in scadenza nel 2022. Pozzo punta lo slovacco Strelec, classe 2002

UDINE. Bomber cercasi. Sono tanti i nomi che l’Udinese ha seguito e monitorato negli ultimi mesi: gli ultimi portano il nome di Lucas Alario e David Strelec.

Stiamo parlando di due profili completamente diversi: il primo è un giocatore di 28 anni, argentino, di proprietà del Bayer Leverkusen che già due-tre stagioni fa era stato accostato al club bianconero, il secondo è un ragazzo slovacco di vent’anni che l’Equipe ha inserito nei 50 migliori talenti europei del 2001.

In questo caso l’arrivo di uno non esclude l’altro, semmai potrebbe preludere a una eventuale partenza degli attaccanti in rosa (Okaka il primo candidato) tenendo conto che Nestorovski sarà indisponibile fino a novembre e Teodorczyck non rientra più nei piani da tempo.


Alario, origini friulane (il nonno era di Udine) 29 anni il prossimo 8 ottobre, da quattro stagioni gioca in Bundesliga dove ha messo assieme 99 presenze e 36 gol, di cui 11 (in 25 presenze) nell’ultima stagione a cui bisogna aggiungere i 2 segnati in Europa League e i 2 in Coppa di Germania. Alario ha il contratto in scadenza nel 2022, il Bayer Leverkusen vorrebbe rinnovarglielo.

Su di lui non c’è solo l’Udinese, che lo valuterebbe 8 milioni, ma anche il Betis Siviglia e un paio di squadre russe.

Piede mancino, Strelec è di proprietà dello Slovan Bratislava e nonostante abbia solo vent’anni vanta una sessantina di presenze in campionato condite da 18 gol. Numeri decisamente interessanti che hanno catturato l’attenzione del club friulano che però in Italia non è il solo ad aver pensato allo slovacco. Su di lui, infatti, ha messo gli occhi anche lo Spezia.

L’Udinese in questo momento deve decidere se aspettare gli ultimi giorni di mercato per concludere la trattativa migliore sia dal punto di vista tecnico che economico (i prezzi nell’ultima settimana caleranno) o se anticipare i tempi e consegnare a Gotti l’attaccante già dalla prossima settimana. Di sicuro non può arrivare in tempi brevi Lammers, del quale l’Atalanta non intende liberarsi fino a quando non rientreranno a pieno regime Zapata e Muriel, reduci dall’impegno in Coppa America.

Discorso diverso per quanto riguarda Cutrone: il giocatore, che era stato trattato da Pozzo già lo scorso gennaio, vuole tornare in Italia dopo l’esperienza al Wolverhampton. La prima a fare un sondaggio è stata la Sampdoria, quello dell’Udinese è stato un ritorno di fiamma ma forse non così caldo. Non è un attaccante di ruolo, ma ha caratteristiche decisamente offensive Ounas: l’algerino, di proprietà del Napoli, ha vissuto sei mesi da protagonista a Crotone e cerca spazio.

Un nome nuovo per la difesa, reparto in cui l’Udinese ha bisogno di innesti, è quello di Guzman Corujo, difensore uruguaiano di 25 anni del Nacional Montevideo.

Per quanto riguarda Stryger Larsen, il futuro del terzino danese rischia di diventare una sorta di tormentone. Ha il contratto in scadenza nel 2022, non è intenzionato a rinnovare e vuole cambiare aria. Ha rifiutato il Galatasary, sta riflettendo sulla proposta del West Ham, e in Italia lo vuole la Fiorentina. Ma il presidente viola Comisso spenderà i 5 milioni chiesti da Pozzo? 


 

Video del giorno

L'Aston Villa batte lo United e i suoi tifosi prendono in giro l'esultanza di Ronaldo

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi