Due mesi all’Udin Jump Prima edizione senza Talotti

udine

Il conto alla rovescia per Udin Jump 2022 sta avanzando velocemente. Mancano due mesi al Meeting d’Italia di salto in alto che il 2 febbraio richiamerà al palaIndoor “Ovidio Bernes” di Udine alcuni tra i più forti atleti della scena italiana ed internazionale.


L’evento è ormai giunto alla sua quarta edizione, la prima senza la presenza fisica di Alessandro Talotti, ideatore e promotore del meeting: le idee, i sogni, gli obiettivi di Alessandro restano però sempre concreti punti di riferimento per Mario Gasparetto, Massimo Di Giorgio e tutti collaboratori di Udin Jump Development.

Tra le principali iniziative intraprese dall’indimenticabile Alessandro Talotti, una delle più importanti è UdinLAB, il laboratorio nato dalla stretta collaborazione tra la Udin Jump Development e l’Università degli studi di Udine nel Corso di Laurea in Scienze Motorie, ideato per fornire agli allenatori e agli atleti dei dati scientifici riguardo le loro prestazioni, in gara e in allenamento. Il tutto da analizzare e interpretare per migliorare la prestazione e prevenire gli infortuni. E, proprio nell’àmbito dell’attività di UdinLAB, in un incontro patrocinato dall’Università di Udine, sabato 29 gennaio nella sala Ajace del Comune di Udine, lo scrittore e giornalista friulano Gianluca Morassi, ex mezzofondista della Libertas Udine dialogherà con la pluridecorata maratoneta Anna Incerti e con il campione italiano 2019 dei 1500 Matteo Spanu, dell’Atletica Malignani. —



2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

La pizza è anche scienza: 5 consigli per ottenere a casa un risultato perfetto

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi