Contenuto riservato agli abbonati

Gotti alla fine è soddisfatto: «È stata una partita da montagne russe»

I tecnici Gotti e Sarri si salutano prima del fischio d’inizio della sfida dell'Olimpico

ROMA. «Venivamo da quattro, cinque giorni di ritiro e la squadra è venuta qui senza paura. Questo è l’aspetto che mi è piaciuto», spiega a Dazn il tecnico bianconero Luca Gotti nel dopo partita, applaudendo quindi l’atteggiamento della sua squadra che anche ieri sera ha mostrato due facce, con un primo tempo completamente diverso dal primo. «É stata una partita da montagne russe, con otto gol, espulsioni e cambi di sistema. Nel primo tempo abbiamo fatto la partita che avevamo preparato in questi giorni e nella ripresa sono stati bravi loro , anche se non avevo l’impressione che ci fossimo sciolti, tant’è che nei venti minuti successivi abbiamo tenuto bene il campo».

L’analisi è lucida, mentre la prospettiva si allarga rispondendo alla domanda sulla difesa a quattro: «A me non importa nulla della difesa a quattro o a tre – risponde il tecnico di Contarina –. Ci sono diverse componenti da considerare e in primis la partita con la Lazio, che andava affrontata così e poi anche il cercare di far giocare un attaccante vicino a Beto senza toglierci la possibilità di ripartire sugli esterni con Molina e Deulofeu. Nel primo tempo la mossa ha pagato e nella ripresa meno. Forse questo sistema di gioco prende in considerazione un maggior numero di giocatori per come è costruita la rosa e devo fare dei ragionamenti a lungo termine».

L’assetto tattico è stato fatto saltare dall’espulsione di Molina, che Gotti ha commentato così: «Avevo più pensieri a sostituire Becao che era stato ammonito e pensavo che Molina non avesse problemi. É stata una sorpresa questo suo fallo inutile. Però se ammoniamo queste cose qui, allora...».

L’ultima riflessione è di Tolgay Arslan che rivela tutta la soddisfazione dello spogliatoio bianconero. Il turco ha firmato il pareggio con l’ultimo tiro, per un risultato da ricordare: «Credo che nessuno dimenticherà questa partita. Le partite non finiscono mai e si è visto stasera, con la Lazio che ha recuperato dopo il nostro primo tempo in cui eravamo avanti. É stata una grande partita da parte di tutti e alla fine abbiamo conquistato un punto che è molto importante anche per il nostro morale».

Video del giorno

Stefano, vita da crossdresser: "Sono padre, marito, eterosessuale e mi vesto da donna"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi