Cjarlins a Campodarsego, la prima del tour de force

Tre gare in sette giorni, si parte con i veneti. E mister Moras ci crede: «Abbiamo 25 titolari, andiamo a giocarcela»

carlino

Inizia questo pomeriggio, con la trasferta in casa del Campodarsego, il “tour de force” del Cjarlins Muzane, chiamato al trittico di gare in una settimana dato, poi, il turno infrasettimanale di mercoledì quando arriverà il Cartigliano fino alla trasferta del 12 dicembre in casa dell’Ambrosiana. Si parte, oggi, dalla casa di quel Campodarsego che precede in classifica di tre punti proprio la squadra friulana guidata da Massimiliano Moras. Trasferta, insomma, in casa di una formazione esperta che vuole provare a tornare grande dopo il campionato di serie D vinto qualche anno fa.


«Speriamo di diventare anche noi una grande squadra – analizza il tecnico friulano – siamo vogliosi di dimostrarlo. Quella in terra padovana è una gara sicuramente difficile perché il Campodarsego oltre ad essere ben allenato è partito con il piglio giusto. Mette in mostra alcuni giovani molto interessanti, con una coppia di attaccanti classe 2004 molto importante, merito sia dell’allenatore che della società. Li ho visti giocare e davvero mi hanno impressionato. Non dimentichiamoci che in rosa hanno anche Matteo Buratto (ex Cjarlins Muzane, ndr), che resta sempre un ottimo giocatore».

Non si guarderà, comunque, al tour de force, con Massimiliano Moras che schiererà la formazione tipo.

«Abbiamo una squadra di 25 titolari e dobbiamo giocarcela con tutti. Mi auguro di recuperare qualche giocatore e quindi la formazione sarà la migliore: il turn-over non esiste, bensì esiste chi hai disposizione da mandare in campo sapendo che poi si può approfittare delle 5 sostituzioni». Rientrano tra i convocati D’Appolonia e Michelotto, a differenza di Pignat e Poletto che restano non disponibili. Si valuteranno solo questa mattina le condizioni di Bussi, fermato da una contrattura al polpaccio che rischia di metterlo fuori causa. —



Video del giorno

Ffp2, la prova in laboratorio: ecco come riconoscere le mascherine di qualità

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi