Lewis fa il signore d’Arabia Verstappen dietro, oggi la pole

gedda

Sulla pista denominata Jeddah Corniche, con vista sul lungomare della città saudita, Max Verstappen va a caccia del suo primo titolo mondiale in Formula 1. Per riuscirci già in Arabia Saudita deve ampliare da otto ad almeno 26 punti il vantaggio che ha su Lewis Hamilton. Il che significa raccogliere 18 punti più dell'inglese. Non facile su un tracciato che sembra disegnato per favorire la maggiore velocità di punta della Mercedes. Cittadino sì, ma con caratteristiche peculiari. Ventisette curve, però quasi tutte con un raggio rotondo e percorrenza a gas spalancato. Ed infatti Lewis Hamilton ha segnato il miglior tempo in entrambe le libere del venerdì, seppure con un vantaggio risicato. Particolarmente significativo il risultato della seconda, svoltasi con illuminazione artificiale, cioè nelle condizioni delle qualifiche di domani e della gara di domenica.


Al mattino Hamilton ha fermato il cronometro sul tempo di 1'29«786, superando l'olandese di 56 millesimi ed il suo compagno di squadra Valtteri Bottas di 223. Dopo il tramonto il campione inglese si è ripetuto: 1'29»018 (con gomma gialla), 61 millesimi meglio di Bottas e 81 di Pierre Gasly (AlphaTauri). Solo quarto Verstappen, staccato di 195 millesimi. A seguire le Alpine di Fernando Alonso (+0.423) ed Esteban Ocon (+0.537). Settima la Ferrari di Carlos Sainz (+0.571), ottava l'AlphaTauri di Yuki Tsunoda (+0.579), nona la Red Bull di Sergio Perez (+0.750). Decimo Charles Leclerc. Il monegasco ha procurato una notte di lavoro ai meccanici Ferrari chiudendo la sessione contro il muretto dopo aver perso il posteriore. Pilota illeso, seppure amareggiato, ma monoposto numero 16 molto danneggiata. —

Video del giorno

Schiantare un aereo per i clic su YouTube, sull'ex olimpionico c'è più di un sospetto

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi