Udinese, pesa la doppia assenza di Beto e Success

UDINE. Ci saranno? A Cagliari sperano proprio di sì, a Salerno rinuncerebbero volentieri alle spallate vigorose di Success e alle volate inaspettate di Beto nell’ultima giornata di campionato, visto che il peso specifico dei due attaccanti è stato notevole per impatto sul rush finale dell’Udinese e che nelle ultime giornate, senza uno dei suoi centravanti di stazza la squadra di Gabriele Cioffi ha fatto non poca fatica in termini di risultati, come ha confermato l’ultima allo stadio Friuli contro lo Spezia.

Recupero

A livello di pura presenza, bisogna subito dire che difficilmente i due saranno protagonisti contro la Salernitana. Quale settimana fa il tecnico bianconero aveva spiegato che Beto stava mordendo il freno e che avrebbe voluto rientrare per il finale di stagione mettendo in archivio l’infortunio ai flessori della gamba destra accusato nel finale della trasferta di Venezia.

Ma Cioffi fece anche capire che non valeva la pena correre rischi di una ricaduta, considerando che la situazione in classifica era più che tranquilla. Success, invece, è uscito di scena dopo 27 minuti della sfida dell’1 maggio contro l’Inter, vittima anche lui di un problema muscolare ai flessori, nel suo caso alla gamba sinistra.

Niente di grave, si disse nelle ore successive, senza però trascurare un particolare importante: il possente nigeriano è stato vittima di un paio di infortuni di questo genere durante la stagione, lo scorso autunno e all’inizio della primavera. Anche nel suo caso è inutile rischiare.

Impatto

Senza Beto o Success l’Udinese ha dimostrato di fare fatica, non tanto a livello di gol realizzati, quanto piuttosto di risultati. Con il portoghese o il nigeriano titolari al centro dell’attacco i bianconeri hanno raccolto 13 punti su 15 lo scorso mese tra Cagliari, Venezia, Empoli, Bologna e Fiorentina, quando l’Udinese ha prodotto la bellezza di 17 gol.

Incredibile che l’unica assenza di Success o Beto nella lista dei titolari sia la gara persa per 0-1 al Friuli con la Salernitana, quando il numero 7 è entrato nella ripresa, mentre il ruolo di centravanti era stato interpretato da Pussetto che è stato riproposto in quella posizione per un’ora contro l’Inter (dal momento dell’infortunio a Success), il Sassuolo e lo Spezia. Con i campioni d’Italia in carica ha segnato, ma l’interpretazione dello spartito dell’argentino da centravanti non è stata mai convincente.

Futuro

Sono tutte considerazioni che finiranno sulla scrivania di Gino Pozzo nel momento delle conferme e degli addii. Beto e Success dovrebbero restare tutti e due, Pussetto è in prestito dal Watford e potrebbe ritornare oltre la Manica per mettersi alla prova nella B inglese, mentre qui dovrebbe arrivare il 20enne brasiliano Joao Pedro, soprattutto se Deulofeu salutasse il Friuli.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

I soldati ucraini sbagliano a usare il mortaio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi