Mamma mia che Nibali a Torino. E Carapaz si prende la rosa

Vincenzo Nibali in azione sulla salita di Superga

Lo Squalo infiamma come ai bei tempi, l’ecuadoriano si prende la maglia ma Hindley lo bracca. Sorprende Pozzovivo, regge Almeida, perde un po’ Landa

TORINO. Non ce ne vogliano la nuova maglia rosa Richard Carapaz o il suo rivale designato dalla fotonica tappa di Torino, Jai Hindley. Ci arriveremo anche a loro. Ma dobbiamo iniziare con Vincenzo Nibali. E non perché siamo italiani come lui, ma perché se lo merita. A Torino, in una tappa disegnata alla grande dal direttore del Giro, Mauro Vegni, non nuovo a genialate del genere, lo Squalo, il 37enne ultimo baluardo del ciclismo italiano, quello che assieme a Domenico Pozzovivo, mentre Filippo Ganna distrae i “nemici” con imprese contro il tempo, difende le posizioni in attesa di giovani rinforzi, nella tappa numero 14 sabato 22 maggio a Torino ha fatto un capolavoro.

Lo scatto di Carapaz (Ineos)

Restando con i big, attaccando, soffrendo, contrattaccando, come ai vecchi tempi, risvegliando con un colpo di bacchetta magica l’italico popolo del ciclismo.

Li ha riportati davanti alla tv, incollati a tifare per lui, ha reso orgogliosi i migliaia di tifosi che hanno affollato il percorso, ne ha fatti pentire altrettanti per aver preferito, visto il caldo africano che c’era ieri sotto la Mole, al Giro una gita in montagna, una capatina in Liguria o, perlomeno, un bagno in piscina.

Simon Yates (Bike Exckange)

Cercava la tappa il capitano dell’Astana, che su queste strade vinse il Giro 2016, sognava quel colpo da maestro per dire grazie ai tifosi e poi congedarsi a fine stagione. Ha trovato affetto, una gamba come ai bei tempi e una classifica da podio. Ora è 8° a 2’58”.

«Sono soddisfatto, cercavo la tappa ma era dura prendersela, adesso pensiamo a recuperare»., ha detto al traguardo. Francesco Moser entra nella stanza isolata della facoltà di Architettura al Parco del Valentino dove stiamo scrivendo queste righe in cerca di un po’ di frescura. E ci dice sicuro: «Nibali è da podio, può arrivare tra i primi tre». Magari non succederà, come magari Domenico Pozzovivo, ora quinto in classifica a solo un minutino dalla rosa dopo un’altra tappa epica, prima o poi pagherà il peso dei quasi 40 anni, ma quella coppia appassiona.

Così come il duello in vista per la rosa. Meno 70 km alla fine, prima del primo passaggio a Superga la Bora di Hansgrohe mostra i muscoli. Tira, spacca la corsa, isola Carapaz rimasto a sorpresa senza nessuno della corazzata Ineos, sacrifica prima Emanuel Buchmann poi Wilco Kelderman “all inn” per Hindley. Carapaz, alla fine del secondo passaggio da Superga, 28 km all’arrivo, quando manca solo l’ultima Maddalena da scalare, se ne va. Potente, convinto. Dietro inseguono Hindley e Nibali. Che gli tornano sotto nel tratto più duro dell’ultima salita. Ecco, in questo frangente, impressiona la forza dell’australiano secondo nel 2020.
Gli altri? Del “Pozzo” abbiamo detto. Regge, Joao Almeida (Uae), fa fatica ma limita i danni e perde una trentina di secondi. Mikel Landa (Bahrain) perde un minuto, Juan Pablo Lopez (Trek), dopo dieci giorni la maglia rosa, dopo una difesa d’orgoglio.

Richard Carapaz (Ineos)

La tappa? Simon Yates (Bike Exchenge) uscito di classifica al Blockhaus per le conseguenze di una caduta, di rabbia per la sfortuna che lo perseguita al Giro, raggiunge il terzetto e scatta alla Marcell Jacobs, presente all’arrivo, a sull’ultimo dentello prima del traguardo. Carapaz è in rosa, ma ha Hindley a 7”, Almeida è a 30”, Landa a 59”.
Oggi Rivarolo Canavese-Cogne, 177 km tre salite lunghe, l’ultima, pur pedalabile, più di tutte. Ma intanto godiamoci questo Squalo va.

a.simeoli@messaggeroveneto.it

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

I soldati ucraini sbagliano a usare il mortaio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi